BreVisioni

Jellaby

Jellaby - post-14-1291109147-200x300Jellaby di Kean Soo, pubblicato originariamente negli Stati Uniti da Hyperion (in pratica una divisione della ), racconta la storia di Portia, una bambina un po’ solitaria che già dalle prime pagine incontra un animale misterioso, un mostro buono, forse frutto di un incantesimo. Lei gli si affeziona, lo nutre, ma soprattutto fa di tutto per tenerlo nascosto alla madre, agli insegnanti e ai compagni di scuola, con i quali fra l’altro non pare nemmeno andare troppo d’accordo. Non ci vuole molto prima che un compagno di scuola scopra il mostriciattolo. I due bambini gli daranno un nome – Jellaby appunto – e condivideranno il segreto della sua esistenza, per poi scappare in viaggio con lui. Il primo volume della serie (non è scritto da nessuna parte ma non è un volume unico) inizia in maniera un po’ incerta, con una caratterizzazione dei personaggi debole e stereotipata; forse una necessità più che una pecca visto il target molto basso. Ma mentre i capitoli scorrono non mancano gli spunti per appassionarsi alla storia di una bambina dal passato ancora tutto da scoprire.
Le pagine colorate di viola di Soo mostrano un segno morbido, caricaturale, essenziale, e molto cartoonesco, tanto da sembrare l’adattamento di un cartone animato invece di opera originale. Un libro da non giudicare con i metri del lettore adulto, meglio porgerlo e regalarlo ai più piccoli, per avvicinarli al fumetto.

Abbiamo parlato di:
Jellaby
Kean Soo
Traduzione:  Silvia Bruins
Renoir, 2010
152 pagine, brussura, colore – 14,00€
ISBN: 978−88−95261−97−3

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio