Home > Articoli > Approfondimenti > Aspettando 24hic – Tito Faraci

Aspettando 24hic – Tito Faraci

Aspettando 24hic - Tito Faraci - immagine1-2670Uno degli scrittori più poliedrici e prolifici in Italia, è stato da subito un “enfant prodige” per come ha saputo imporsi in ambito professionale senza una vera gavetta alle spalle; dagli esordi su Topolino, con alcune delle storie migliori prodotte nell’ultimo decennio, alla creazione del suo primo personaggio seriele, Brad Barron, può vantare una carriera che non sembra aver avuto un attimo di pausa.

PERCHE’ 24HIC?

Perche’ hai deciso di partecipare?
Ho deciso di partecipare prima ancora di sapere come partecipare, cosa fare. Io che non so neppure disegnare una patata. Pero’ qualcosa mi inventero’, anzi, ho già una mezza idea. Non della storia, sarebbe sleale, ma di come realizzarla, con quali materiali. Voglio partecipare perché l’idea è divertente, stimolante, e soprattutto può e deve trasformarsi in una grande riflessione sui meccanismi narrativi del fumetto, sullo specifico del mezzo. Questo per me è interessante.

Hai idea di cosa ti aspetta?
Solo una mezza idea. Me la faccio bastare. Voglio avere un approccio istintivo, almeno in parte.

Pensi che ti mancherà di più il sonno o il tempo per concludere il tuo lavoro?
Oh, il sonno. Ho scritto anche trenta tavole in un giorno. Mmm… pero’ ero giovane e scriteriato. Seriamente, scrivere è il mio mestiere, una parte grande della mia vita. Il problema, come detto sopra, è che non so disegnare.

Quante splash page credi di mettere nelle ultime 8/10 pagine?
Nessuna.

Il fatto di essere osservato dal pubblico ti influenzerà in qualche modo?
P-pubblico?! Quale pubblico? Ehi, non me l’avevate detto!

BIOGRAFIA
Tito Faraci (Gallarate, Varese, 23/05/1965) inizia la sua carriera come critico musicale, poi nel 1995 il fulminante debutto sulle testate Disney, di cui a breve diventa uno degli autori più apprezzati per la sua capacità di giocare con i limiti dei suoi inamovibili personaggi, su tutti Topolino, come testimonia la raccolta “Topolino Noir” (Einaudi). Nel 1998 inizia a collaborare con la Astorina per “Diabolik”, dove si trova a scrivere negli anni storie importanti per il personaggio, tra cui due speciali disegnati da Giuseppe Palumbo e dedicati ai due più importanti comprimari della serie (“Eva Kant, quando Diabolik non c’era”, “Ginko, prima di Diabolik”). Offre la sua penna anche alle sceneggiature di “”, sia per il fumetto che per la serie animata. Dal 1999 collabora continuativamente con Editore, passando per “Dylan Dog”, “Nick Raider”, “Magico Vento” e “Cico”, fino a “Tex” nel prossimo futuro; dopo aver messo mano ad alcune delle più importanti e note serie italiane, nel 2005 esce in edicola la miniserie Brad Barron, completamente ideata da lui (sempre Bonelli). Sempre del 2005 è il volume “L’ultima battaglia”, disegnato dall’artista statunitense , primo di una collana di graphic-novel lanciata da Buena Vista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.