Approfondimenti

Aspettando 24hic – Massimo Giacon

immagine1-26381

Aspettando 24hic - Massimo Giacon - immagine1-2638Tratto plasticoso e solido quello di , artista poliedrico dallo stile inconfondibile e grottesco; collabora abitualmente per Coconino e Coniglio Editore, oltre a creare graficamente oggetti di uso comune, ceramiche o tappeti (che, sinceramente, siamo molto curiosi di vedere).

PERCHE’ 24HIC?

Perche’ hai deciso di partecipare?
Perche’ mi piacciono gli sport estremi, e essendo contemporaneamente un sedentario da paura, mi piaceva poter almeno essere tra i pionieri in Italia di questa nuova disciplina : “extreme drawing”.

Hai idea di cosa ti aspetta?
Non sarà peggio di quando devo fare le notti per rispettare le consegne, forse con l’aggiunta di un po’ di rompicoglioni intorno. Ventiquattro ore filate di disegno non so nemmeno se le ho mai fatte, mi aspetto tendiniti, stati allucinatori, momenti di disperazione, effetto parkinson da eccesso di caffeina e tanto divertimento.

Pensi che ti mancherà di più il sonno o il tempo per concludere il tuo lavoro?
Non sono un dormiglione, confido nell'”Effetto Tetsuka” il dio dei manga. Lui diceva che non dormiva mai, perché in fondo disegnare fumetti è un po’ come sognare. Forse mi mancherà il tempo, ma so che sono ammesse furbate e colpi sleali, potrei portarmi dietro qualche cosa da ricalcare…

Quante splash page credi di mettere nelle ultime 8/10 pagine?
Nessuna, credo di non aver disegnato mai una doppia pagina in tutta la mia vita, credo piuttosto che adottero’ una struttura molto semplice, un A4 diviso in due vignette orizzontali, nella più classica delle scuole Kriminal, Diabolik, Alan Ford, Jacula, Lando (ecc… ecc… segue una lista di un centinaio di titoli).

Il fatto di essere osservato dal pubblico ti influenzerà in qualche modo?
Da parte di uno che alla presentazione della sua mostra “Sexorcismo”, si è fatto incatenare al muro con maschera da catch, perizoma in pelle e contorno di gentili signorine vestite in latex pensi che disegnare in pubblico mi imbarazzera’? Lancio un’dea per un’altra maratona “extreme naked drawing”.

BIOGRAFIA
(Padova, 1961) si alterna tra le attività di fumettista, illustratore, designer, artista e musicista. Collabora agli inizi degli anni ’80 con le riviste più importanti del rinnovamento fumettistico, Frigidaire, Alter, Dolce Vita, Cyborg e Nova Express. Come fumettista e illustratore collabora con Coconino Press, per “Black”, e Coniglio Editore, per “Blue”, e espone le sue opere in mostre personali o collettive in giro per l’Europa. Insegna all’Istituto Europeo di Desing di Milano. Come grafico ha collaborato con Olivetti, Alessi, Swatch, Philips, Telecom; ha disegnato tappeti, ceramiche, oggetti per la cucina, animazioni per la TV, videogiochi. Nel 1996 è uscito il suo primo album musicale da solista, “Horror Vacui”, nel 2003 il secondo “Nella città ideale”.

BIBLIOGRAFIA
Massimo Giacon- Mimì Colucci MECANOSTORIE 1985 Primo Carnera Editore
Massimo Giacon- Mimì Colucci RATTLETOWN 1994 Granata Press
Massimo Giacon, Vittore Baroni, Piermario Ciani LAST TRAX Trax ed. 1987
Massimo Giacon VIA CRUCIS 1993 R&R editore
Massimo Giacon HORROR VACUI 1996 Kom Fut editore
Massimo Giacon- Marco Zanini CERAMICOMIX 1996 Bitossi edizioni
Massimo Giacon I 50 COMIC BOOK PIU’ IMPORTANTI DEL PENSIERO OCCIDENTALE, parte 1. Religione 1997 Galleria Cattelani
Massimo Giacon SEXORCISMO DUEMILA, 2000 Coniglio Editore
Massimo Giacon PHILOSOPHERS IN THE POP PLANET 2001 edizioni Nose

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio