Home > BreVisioni > Le cronache di Wormwood vol. 1

Le cronache di Wormwood vol. 1

Le cronache di Wormwood vol. 1 - Wormwood_1-192x300Le cronache di  Wormwood vol 1
, Jacen Burrows
Traduzione : Lorenzo Corti
, 2010
144 pagine, brossurato, colori – 13,00€
ISBN: 9788861235700
Arriva  in Italia il nuovo personaggio creato da Ennis per la rampante casa editrice Avatar. Danny Wormwood è un produttore televisivo di successo, giovane, bello scaltro ed intelligente. Come se non bastasse, egli è l’ Anticristo, il nuovo messia del male. Peccato che Danny abbia altri piani rispetto a quelli scritti nel suo destino, e preferisca trascorrere le sue giornate in compagnia del suo coniglio parlante, oppure in un bar con il suo migliore amico, un giovane afroamericano, che tra l’altro, si scopre essere la reincarnazione di Gesù(?!). Quando suo padre, Satana in persona, sigla un accordo con il Papa per il semi-dominio del mondo, il nostro ” eroe ” dovrà suo malgrado entrare in azione. Nonostante qualche lacuna nello svolgimento della trama, Wormwood riesce ad essere una lettura piacevole e divertente e, nel più puro stile Ennis, sboccata, grottesca ed esagerata (a volte forse anche troppo). Il personaggio principale pure essendo il classico “Anticristo simpaticone”, immagine un pò troppo sfruttata in questo genere di opere,risulta comunque ben caratterizzato. Molto variegato il numeroso cast di comprimari, talmente assurdi e strampalati da risultare comunque simpatici. I disegni di Burrows denotano una mancanza di fluidità, e la sua costruzione delle figure umane e delle espressioni facciali è un pò troppo plasticosa, buona invece la sua interpretazione delle figure grottesche e mostruose. Questo primo volume di Wormwood lascia comunque intatta la curiosità nel conoscere il proseguio delle avventure di Danny.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.