Home > Articoli > Recensioni > Star Wars Episodio III – La Vendetta dei Sith

Star Wars Episodio III – La Vendetta dei Sith

Star Wars Episodio III - La Vendetta dei Sith - immagine1-2502“…ora il cerchio è completo!”
Paragrafando Darth Vader in Episodio IV, Steve Sansweet, Director of Content Management & Fan Relations della Lucasfilm Ltd, è stato accolto con un’ovazione dal pubblico dell’Arcadia di Melzo (MI), alla prima del nuovo e ultimo capitolo della saga di , il 19 maggio 2005.
Questo La Vendetta dei Sith è stato, tra i tre nuovi episodi, il più atteso e il più temuto. Da una parte svela quello che per quasi trent’anni è stato il mistero più custodito, la genesi di Darth Vader, e dall’altra chiude, parrebbe per sempre, la Saga che ha cambiato la vita di molti, incluso il sottoscritto.
La serata ha avuto inizio verso le 20.00, quando la hall del multiplex era gremita di fans, molti dei quali abbigliati con i costumi dei loro eroi preferiti: Cavalieri Jedi, Darth Vader, Senatrici Amidala ecc. Per la sala girava anche un R2D2 a grandezza naturale, ma l’attenzione di tutti si è rivolta alla parata della 501st, Italica Garrison. Accolti da un boato, una decina tra Stormtroopers, piloti di TIE fighter, piloti di AT-AT, Guardie Imperiali, Scout trooper, un Darth Vader e un Boba Fett, si sono calati nella hall da una scala mobile trasparente che ha contribuito a creare un pathos di grande effetto: il cuore di molti si è fermato per qualche istante.

Star Wars Episodio III - La Vendetta dei Sith - immagine2-2502Il film si apre con una grande battaglia spaziale, forse la più coinvolgente tra quelle finora viste, gli effetti speciali ci regalano inquadrature incredibili e il sonoro THX fa letteralmente saltare sulla poltrona.
Segue poi una parte più recitata, in cui Anakin Skywalker, sedotto dal Cancelliere Palpatine, si porta sul confine del lato oscuro per poi oltrepassarlo definitivamente. Degna di nota la recitazione di Ian McDiarmid (Palpatine) proprio nella parte del seduttore oscuro e che ci regala anche un paio di duelli a spade laser di tutto rispetto.
Duelli che non mancano in questo film: tutti i Jedi sono chiamati a difendersi dall’inaspettata minaccia, dai Maestri ai Padawan più giovani. Ottime le coreografie e anche la scelta di renderli più crudi rispetto a quelli precedenti.

Ma tutta l’attesa del pubblico era naturalmente rivolta al duello tra Anakin ed il suo maestro Obi-Wan, alla coniatura del nome Darth Vader e alla nascita dei due gemelli Luke e Leia; tutto cio’ non ha mancato di emozionare.
Scenografie, costumi e caratterizzazione dei personaggi sono stellari, ormai un marchio di fabbrica della Lucasfilm, che non trascura il dettaglio più insignificante.
In definitiva un ottimo film, oscuro, come il suo teso protagonista: un toccasana per i fans, che dopo Episodio I (un po’ troppo infantile) ed Episodio II (troppo mieloso) ritrovano le grandi atmosfere dei primi tre episodi.

La Saga è finita, andiamo in pace….
… e ora cosa facciamo?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.