Home > Articoli > Recensioni > Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli

Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli

Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli - morto2voltegrandeTratto dall’omonimo racconto di Marco Vichi apparso nell’antologia “Città in nero”, curata dallo stesso autore e pubblicata nel 2006, “Morto due volte” è un volume della collana Graphic, nuovo marchio della casa editrice parmense dedicato ai fumetti, che ha per protagonista il commissario Bordelli.
Nel corso degli avvenimenti presentati in questo libro, questo anomalo poliziotto, che sta sempre dalla parte dei più deboli ed è amico di ladruncoli e prostitute, indagando a titolo personale su due lapidi, che portano scolpite lo stesso nome ma diverse date di morte, porterà alla luce una vicenda dai contorni drammatici, un intrigo fatto di bugie e di violenze.

Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli - b20Adattata da Marco Schiavone e supervisionata da la storia, ambientata nella Firenze degli anni ’60, scava nel marcio del recente passato di un’Italia da poco uscita dal fascismo e dalla Seconda guerra mondiale e mostra, quasi a voler confermare una situazione molto comune allora come ai giorni nostri, come anche le personalità pubbliche che sembrano le più rette ed oneste, abbiano numerosi scheletri nascosti negli armadi.

I disegni del barese Werther Dell’Edera, fatti di pochi tratti graffianti e minimalisti, le figure umane un po’ abbozzate, quasi fossero sfocate nella memoria, e l’inchiostrazione davvero sapiente, anche se in qualche punto imprecisa, rievocano un periodo, lontano ormai cinquant’anni, e fanno da sfondo a una vicenda ricca di suggestioni, atmosfere tese e colpi di scena.
L’utilizzo dei retini nei ricordi dei protagonisti poi, accresce la sensazione di tristezza e malinconia che pervade tutto lo svolgersi di una storia che, all’inizio parte in sordina per poi aumentare notevolmente il ritmo.

Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli - b99La tensione che si costruisce, vignetta dopo vignetta, è così alta che difficilmente si potrà lasciare il volume prima della fine, travolti da testi e immagini di una storia insospettabile, ma probabilissima, che termina lasciando il lettore spiazzato ma soddisfatto e desideroso di leggere altre vicende del genere quanto prima.

L’unico neo che si può trovare per questo volume, cartonato e peraltro stampato molto bene, è il prezzo, forse un po’ troppo alto per un libro di 112 pagine.

Al di là di queste piccole inezie si può però affermare che “Morto due volte” sia una graphic novel molto bella che potrà essere apprezzata sia dagli amanti del buon fumetto che dai lettori di romanzi gialli.

Morto due volte, avventura a fumetti per il commissario Bordelli - 15


Abbiamo parlato di:
Morto due volte
, Tito Faraci, Marco Vichi , Werther Dell’Edera
Guanda, 2010
112 pagine, brossurato, bianco & nero – 17,00€
ISBN: 9788860887801

Riferimenti:
Werther Dell’Edera, il blog: wertherdelledera.blogspot.com
Tito Faraci, il blog: titofaraci.nova100.ilsole24ore.com

Recensione originariamente pubblicata su www.thrillermagazine.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.