Home > Articoli > Recensioni > TEX 600 — Massimiliano Leonardo e le sue avventure al fianco di Tex

TEX 600 — Massimiliano Leonardo e le sue avventure al fianco di Tex

TEX 600 — Massimiliano Leonardo e le sue avventure al fianco di Tex - T4w9Massimiliano Leonardo () è nato a Roma nel 1972. Esordisce nel mondo del fumetto nel 1993 con una prolungata collaborazione con lo sceneggiatore Roberto Recchioni: entrambi al lavoro sulla testata Dark Side edita dalla Bdb press. In seguito, Leomacs si trova a collaborare per i tipi dell’Eura Editoriale. E nel 2003 approda alla e nello specifico a Nick Raider, di cui illustra un racconto scritto da Tito Faraci, Amore e rabbia (n. 184). In seguito ritroviamo la sua firma in due episodi di Magico Vento (nn. 94 e 107), la serie ideata dallo sceneggiatore Gianfranco Manfredi. Gianfranco Manfredi e il curatore editoriale Renato Queirolo invitano poi Leomacs a partecipare alla realizzazione della miniserie Volto Nascosto, di cui realizza il quinto episodio.

I tempi sono maturi per l’entrata nello staff di : il disegnatore, con umiltà e talento, si mette a disposizione della testata portando a termine il lavoro lasciato incompiuto dal collega Manfred Sommer, morto nel 2007. Il frutto di questo lavoro è il racconto Capitan Blanco, scritto da Claudio Nizzi e pubblicato in Almanacco del West 2009 (febbraio 2009). Nell’avventura Tex e Carson portano il loro aiuto al giovane tenente Scott Henderson (appena giunto a Fort Thomas dall’accademia militare di West Point), la cui scarsa esperienza viene brutalmente evidenziata dalle incursioni dei ribelli comanche di Capitan Blanco.

In questo momento l’autore è al lavoro su una storia di 257 tavole, scritta da Mauro Boselli, in cui Tex e Carson incrociano il loro percorso con un misterioso killer al centro di non indifferenti interessi ferroviari.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.