Home > Articoli > Recensioni > L’Uomo Ragno #80,81

L’Uomo Ragno #80,81

L'Uomo Ragno #80,81 - UomoRagno80Il quindicinale dedicato all’Uomo Ragno continua con successo le sue uscite, dopo la pubblicità procurata dal film. In questi due numeri le storie che più delle altre emergono sono quelle appartenenti alla più recente collana dedicata negli USA a Spider Man, Tangled Web. Questa serie è nata con l’intento di raccontare episodi, personaggi o situazioni legate all’universo del noto supereroe, ma lasciando gli autori, spesso anche distanti da quello che si potrebbe definire “stile marvel”, liberi dalla incombenza della continuity.
Nel numero 80 Ron Zimmerman, autore proveniente dalla televisione, e Sean Phillips (Hellblazer, Wildcats), imbastiscono una storia a tratti divertente, ottimamente scritta, che ci presenta l’altra faccia di alcuni nemici storici dell’Uomo Ragno, per poi gelare il lettore con la rivelazione finale.
Nello stesso albo J.Michal Straczynski, autore di Rising Stars, e John Romita Jr. presentano la storia “nuff said” di Amazing Spider Man, cioe’ senza parole. Per un mese infatti gli albi Marvel USA sono usciti tutti quanti con storie mute, una sorta di sfida che dopo gli eventi dell’undici settembre ha assunto tutto un altro significato. Questo episodio è dedicato all’analisi dello stato d’animo di Peter Parker, di sua zia May e della ex-moglie Mary Jane in un momento particolare della loro vita.

L'Uomo Ragno #80,81 - Ur81Nel numero 81 Tangled Web presenta una storia scritta da , autore di Lucifer ed Hellblazer, e illustrata dall’italiano Giuseppe Camuncoli (visto già su Bonerest in Italia, e su in America). La storia vede come protagonista Crusher Hogan, il wrestler contro il quale si batte’ il giovane Uomo Ragno alla sua prima uscita pubblica con il non nobile scopo di fare un po’ di soldi. Per scriverla Azzarello si è avvalso anche della collaborazione di un wrestler professionista: il risultato è appassionante e rende giustizia a quello che finora era apparso come un personaggio senza spessore.
Nello stesso albo lo scrittore Paul Jenkins lascia da parte i toni leggeri che spesso accompagnano la serie Peter Parker: Spider Man per presentarci il ritorno del Goblin, nemico storico dell’Uomo Ragno. Ad illustrare il tutto un (Crimson) particolarmente ispirato, con un tratto che, se ha chiare influenze manga, riesce a mantenersi originale, personale ed efficacissimo. Anche grazie ad una notevole colorazione l’atmosfera dell’episodio è cupa, e la pioggia che pervade ogni pagina sembra uscire dalle pagine. In coda Spider-Girl di e Ron Frenz, una pubblicazione dai toni leggeri ispirata ai tanti telefilm.

Entrambi i numeri infine presentano un bizzarro Team-Up tra Spider Man e Jay Leno, famoso presentatore americano, che merita di essere citato solamente per il ritorno di Greg Capullo (Spawn) in un albo Marvel, per i testi ancora di Ron Zimmerman.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.