Nuove Uscite

Debutta “UT” la miniserie di Corrado Roi e Paola Barbato

Comunicato Stampa

SERGIO BONELLI EDITORE PRESENTA “UT” LA NUOVA MINISERIE DI CORRADO ROI E PAOLA BARBATO

Debutta "UT" la miniserie di Corrado Roi e Paola Barbato - ut

Debutta in anteprima a Cartoomics, dall’11 al 13 marzo, il capolavoro del maestro delle ombre, che dalle pagine di Dylan Dog passa a creare, assieme a , la saga a cui sta lavorando da tutta la vita. Per la prima volta nella storia della Casa editrice la miniserie vedrà una doppia edizione in contemporanea: la versione da edicola e quella da fumetteria, che avrà una parte redazionale speciale in più e una copertina diversa realizzata ogni mese da un disegnatore ospite.

E per la presentazione in anteprima a Cartoomics verrà realizzata un’ulteriore edizione variant del numero 1, in vendita solo in fiera, con un ospite d’eccezione chiamato a realizzarne la cover e sedici pagine in esclusiva, come ormai da tradizione per le variant di casa Bonelli

“L’ultima evoluzione è primitiva”

Video di che disegna UT: https://www.youtube.com/watch?v=FEAIPk2zUEs

Ci sono progetti che rimangono a lungo nel cassetto. I materiali si accumulano in modo magmatico, caotico, persino incontrollabile e all’inizio non hanno un profilo preciso né una trama ben definita. Poi, piano piano tutti gli appunti, i disegni, le annotazioni cominciano a trasformarsi e i vari tasselli, ordinati gli uni dopo gli altri, prendono forma e compongono il loro racconto.

È questa la storia di UT, il capolavoro nato dalla mente di , maestro delle ombre che dalle pagine di Dylan Dog passa a creare, assieme a , la saga a cui sta lavorando da tutta la vita. Due delle punte di diamante di via Buonarroti danno così origine a una miniserie che racconta, con disegni straordinari e di grande impatto, il tempo dopo l’uomo e i conflitti tra le nuove specie dominate da istinti primordiali.

Ma in vista di questa uscita accade anche qualcosa in più. Qualcosa che non era mai accaduto prima. E che, probabilmente, non poteva che succedere per UT. Per la prima volta nella storia della Casa editrice, infatti, la nuova saga conterà due edizioni in contemporanea per tutta la durata della serie, una per le edicole e una per le fumetterie; e addirittura tre edizioni per il primo numero grazie alla versione speciale presentata in anteprima a Cartoomics ed acquistabile solo in fiera, le cui eventuali rimanenze saranno disponibili nei giorni successivi sul sito ufficiale di . L’obiettivo sarà quello di offrire esperienze di lettura diverse, dove la versione fumetteria si differenzierà da quella destinata all’edicola per le variant cover realizzate di volta in volta da un disegnatore ospite d’eccezione e per l’aggiunta in ogni numero di un esclusivo apparato redazionale, creato appositamente dal team Bonelli.

L’appuntamento con la prima presentazione di UT, miniserie di sei numeri che usciranno da marzo ad agosto 2016, sarà durante le giornate di Cartoomics, la manifestazione che si tiene alla Fiera di Milano dall’11 al 13 marzo, e in particolare segnaliamo che sabato 12 marzo dalle ore 15.00 alle ore 15.45 a Cartoomics presso la Sala Agorà n. 2 avrà luogo l’evento intitolato Il maestro delle ombre Corrado Roi e Paola Barbato insieme per  UT, la nuova miniserie evento del 2016 di . In questa occasione i due autori mostreranno al pubblico le prime tavole affilate e stupefacenti di UT, le immagini del misterioso Iranon e quelle della piccola Yersinia, raccontando la genesi del loro nuovo lavoro. Inoltre, sempre nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 marzo proprio presso lo stand Bonelli di Cartoomics, un’ulteriore grande novità,  la possibilità, su ogni albo acquistato, di ricevere un autografo da parte degli autori e uno sketch esclusivo realizzato da Corrado Roi. Alle sessioni di firma copie sarà presente anche l’illustratore chiamato a realizzare la copertina della variant di Ut N. 1 pensata appositamente per Cartoomics. La sua identità sarà svelata nei prossimi giorni.

Ma chi è UT? E in quale luogo trasporta i suoi lettori?

Dopo la scomparsa dell’uomo, la terra è devastata, la fauna pressoché estinta, l’ambiente intossicato. Quel che resta del pianeta è popolato da nuove specie, esteriormente molto simili all’uomo, ma dalle capacità limitate. Sono esseri governati principalmente dai loro bisogni primordiali, sui quali spicca la fame che li spinge a nutrirsi gli uni degli altri.  Ut è uno di loro, una creatura elementare, feroce e infantile, i cui compiti sono cercare, per conto dell’entomologo Decio, i pochi insetti non ancora estinti e sorvegliare un’antica mastaba a cui nessuno deve avvicinarsi. Proprio da lì, il giorno in cui Ut viene accidentalmente distratto e un gruppo di malintenzionati fa irruzione nell’edificio, emerge un individuo mai visto prima, diverso da tutti gli altri… Si chiama Iranon, è enorme, frastornato e non ricorda più nulla di sé. Decio, preoccupato, lo nasconde subito in casa e incarica Ut di non perderlo mai di vista: gli deve impedire di venire in contatto con chicchessia, perché – sono le sue enigmatiche parole – “è il solo esemplare della sua specie”. A Ut non importa nulla del nuovo arrivato, la sola cosa per la quale prova interesse è un gattino, esemplare rarissimo che ha trovato e preso con sé. La comparsa di Iranon però non è passata inosservata e la voce della sua presenza inizia a rimbalzare tra le Vie della Fame, le Vie dei Mestieri e le Vie dei Pensieri, raggiungendo tutte le nuove specie e chi le governa. C’è chi lo teme, chi lo brama, chi vuole strumentalizzarlo per ragioni oscure e chi vuole semplicemente cancellare la sua presenza dalla terra…

Corrado Roi
Corrado Roi è nato l’11 febbraio 1958 a Laveno Mombello (Varese), dove tuttora vive e lavora. Appena sedicenne, entra a far parte, con altri esordienti, dello studio diretto da Graziano Origa. Disegna “Rick Zero” per la testata “Adamo” della Corno. Negli anni Ottanta collabora con la Ediperiodici, “Il Monello” e lo Staff di If, di Gianni Bono. Nel 1986 entra in contatto con la Bonelli, disegnando qualche storia di Mister No e Martin Mystère, per passare stabilmente nella pattuglia dei “dylandoghiani”. Ha collaborato con le Case editrici Comic Art, Glamour e Mondadori. Tra un numero e l’altro di Dylan Dog ha disegnato anche uno speciale estivo di Nick Raider, ha lavorato per Brendon (di cui è stato il copertinista dal numero 1 al 44), Julia, Magico Vento e Dampyr. Sue le copertine della collana Granderistampa di Dylan Dog.

Paola Barbato
Nasce a Milano il 18 giugno 1971 e vive a Verona con il compagno e le figlie Virginia, Ginevra e Melania. Dopo mille lavori diversi, approda alla scrittura con “Intermittenze”, una raccolta di racconti che suscitano la curiosità dell’allora curatore editoriale di Dylan Dog, Mauro Marcheselli, che la invita a cimentarsi con un soggetto dell’Indagatore dell’Incubo. L’esordio nel mondo orrorifico di Dylan Dog avviene nel 1998 con l’albetto dal titolo “Il cavaliere di sventura”, allegato allo Speciale n. 12. Sulla serie regolare di Dylan Dog, il suo debutto è dell’anno successivo con “Il sonno della ragione”, a cui fanno seguito numerose altre avventure. Per la nostra Casa editrice, collabora anche alle serie “Romanzi a Fumetti” e “Le Storie”. Il suo esordio nel romanzo di narrativa avviene invece nel 2006 con il thriller “Bilico”, seguito nel 2008 da “Mani nude” e nel 2010 da “Il filo rosso”. Nel 2008 scrive il soggetto e collabora alla sceneggiatura di una fiction per Sky, “Nel nome del male”. Ha scritto anche per il cinema e per il teatro.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio