Smiley face
Immagina lo spazio bianco

Stefano Cardoselli immagina “Lo Spazio Bianco”

Cos’è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata a Stefano Cardoselli.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è  con la sua illustrazione “Nel frattempo”. Buona visione.

NEL FRATTEMPO

Stefano Cardoselli immagina "Lo Spazio Bianco"
foto by Marco Arienti e Stefania Vannucchi

Fin dagli esordi nel 1999 collabora con realtà indie del fumetto americano pubblicando stabilmente su Heavy Metal Magazine, oltre ad aver prestato la sua arte a 2000AD e a case editrici quali Simon and Shuster, Antartic Press, Dark Slingers Comics, Bluewater Comics, Arden Ent e Atlas Comics.
Nel 2013, grazie alla BookMakers Comics, ha fatto il suo ritorno sul mercato italiano con il volume Love me like a Psycho Robots, seguito dall’antologia che ha raccolto alcune delle storie da lui pubblicate su Heavy Metal Magazine “Into The Pit” , escono sempre per l italia “Silence of God” “Who will save the world?” e lavora su il nuovo “The Fucking Frogman” questi ultimi fanno tutti il “sold out”. Con lo scennegiatore Massimo Rosi fonda “Leviathan Labs” molto attivo in campo internazionale. escono “Necomantical” in Usa facendo  sold out in una settimana e “Darkness within” per l etichetta inglese Markosia , attulmente sono al lavoro su alcune serie e graphic novels per il mercato internazionale.

Non si esclude un ritorno in Italia per il 2016 sempre grazie alla BookMaker.
Inoltre nel 2015 ottiene la nomination come moglior disegnatore Italiano al treviso comic books festival. E’ il primo italiano far parte della antologia Fantasy “Tales of Teelguuth edita dalla 2000 AD con l   introduzione di Alan Moore.
Sempre nel 2015 realizza la cover per la biografia a fumetti di Ozzy Osbourne per l’americana Storm Front.

E’ presente su Rolling Stone, Time Magazine e considerato dal Corriere della sera come facente parte della corrente artista/letteraria nata metà anni 90 “La generazione Pulp”.

stefanocardoselli.wix.com/stefanocardoselli
www.facebook.com/stefanocardoselliartista

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio