Nuvole di celluloide

100 Nuvole di Celluloide

Con la puntata che state leggendo, Nuvole di Celluloide tocca un significativo traguardo. In due anni, abbiamo raccontato il dietro le quinte della realizzazione dei film e serial tratti dai nostri amati fumetti, toccando ogni elemento (merchandise, produzione, licensing, promozione) e cercando di approfondire il più possibile anche tramite le esclusive interviste correlate alla rubrica, per darvi modo di capire un mondo tanto fantastico quanto variegato. Un grazie di cuore a tutti, specialmente alla redazione, e ci risentiamo alla puntata 200! 

The Flash

Si avvicina negli States la conclusione della prima stagione di The Flash. Nei giorni scorsi, presenti al Paley Fest di Los Angeles, il cast del serial sul velocista scarlatto ha parlato di quello che ci aspetta negli ultimi episodi, promettendo una serie di rivelazioni e colpi di scena che sorprenderanno il pubblico, a partire dal mistero più complesso, ovvero quello riguardante il Dr. Harrison Wells () e l’Anti-Flash.

C’è un colpo di scena con Harrison Wells e la trama dell’Anti-Flash che nessuno ha indovinato – ha confermato il protagonista Grant Gustin – E’ una teoria che non ho mai visto on-line. E’ qualcosa, credo, che davvero sorprenderà tutti. Si tratta di un tocco originale al personaggio che non ne rovina la mitologia.

La rivelazione, già avvenuta con l’episodio 9 (trasmesso anche in Italia nei giorni scorsi) che Wells è l’Anti-Flash, ha certamente deviato alcune teorie che, fin dai primi episodi, indicavano come sospetto il fidanzato di Iris, ovvero il detective Eddie Thawne (Rick Cosnett), il cui nome è sospettosamente simile all’originale alter ego del villain, Eobard Thawne. Questo però non significa che il personaggio di Eddie non sarà al centro dell’azione, come rivelato dall’attore che lo interpreta.

La testa di Eddie è tutto un pensare. Ovviamente, ci sono un sacco di informazioni di cui Eddie non è a conoscenza. Pian piano iniziano a svelarsi, e c’è un enorme rivelazione, una cosa enorme che accade con Eddie alla fine della stagione, e credo che tutti saranno molto felici e sorpresi da questo. Vorrei poter dire di più, ma sto ballando intorno all’argomento!
Penso, anche, che il triangolo amoroso con Iris e Barry arriverà a compimento. Le cose accadranno abbastanza velocemente. Eddie, ovviamente, sa che qualcosa sta succedendo, ma non è davvero un tipo geloso.

Anche il personaggio di Iris () sarà coinvolta nel turbinio di colpi di scena che colpiranno la serie prossimamente, a partire ancora una volta dall’Anti-Flash, ma anche dal rapporto che lega la ragazza a Barry Allen.

Un sacco di domande sono state lasciate senza risposta nell’episodio nove – ha detto l’attrice – Conosco un sacco di fan che sono in attesa di sentir parlare di cosa Iris prova per Barry, e a un sacco di queste domande verrà data una risposta nei prossimi episodi. Iris si troverà faccia a faccia con l’uomo in giallo. Lei continuerà a indagare su quello che sta succedendo agli STAR Labs e su Harrison Wells. Ha dei sospetti su Caitlin e Cisco e  su quale sia il loro coinvolgimento con Harrison Wells. Sta solo diventando sempre più curiosa rispetto a ciò che sta succedendo a Central City e sul coinvolgimento di Barry in tutto questo, e su che cosa significa.

Barry non è stato del tutto sincero con me su quello che sta succedendo, soprattutto quando si tratta di Harrison Wells – ha invece affermato Jesse L. Martin, che ricopre il ruolo del Detective West – sto imparando un po’ più di quanto probabilmente lui vuole che io faccia a questo punto. Sono molto più scettico su quello che Wells sta facendo, e su come egli stia condizionando i rapporti tra tutti quanti. Sento che Joe è un po’ all’oscuro, ma non tanto quanto Eddie o Iris. Sto imparando per quanto mi è possibile.

Se il dottor Wells non è questo uomo benevolo che ha sacrificato la sua vita per salvare Flash e per aiutarlo a diventare un eroe, cambia tutto, scopriamo un mondo al contrario – ha detto invece Danielle Panabaker che nel serial interpreta Caitlin Snow – Caitlin, in particolare, ha sempre creduto che il dottor Wells sia un uomo incredibile, un uomo meraviglioso. E l’idea che non solo lui non sia perfetto, ma che in realtà potrebbe avere alcune intenzioni malevoli, sarebbe per lei devastante.

La cosa divertente di interpretare Cisco è che non è solo un ragazzo divertente per tutto il tempo – ha detto l’attore Carlos Valdes – Anche se lui è molto abile in determinate situazioni, c’è un lato più oscuro nel personaggio. Penso che si inizierà a vedere che non solo le emozioni di Cisco, ma anche quelle dell’intera squadra cominciano a variare da A a Z, in fondo, quando alcune cose verranno alla luce. I rapporti tra di loro vengono tutti scompigliati.

100 Nuvole di Celluloide - flashbanner-e1426931369421

In una intervista concessa a CBR, il produttore esecutivo ha invece parlato della possibilità di più episodi che vedranno l’utilizzo della Rogue’s Gallery di Flash, che si sta pian piano formando.

Liam [Liam McIntyre, alias Weather Wizard ndr] tornerà in questa stagione. E’ nell’episodio 16, ma tornerà anche più tardi nella stagione. Siamo stati benedetti con i Nemici, con le persone che abbiamo trovato, e speriamo che un giorno avremo un vero episodio con i Nemici che ci piacerebbe vedere.

Proprio per quanto concerne l’episodio con McIntyre, Kreisberg ha espresso tutta la sua felicità per quello che ritiene essere uno dei migliori della prima stagione del serial sul velocista di Central City.

E’ tutto ciò che ‘The Flash’ può fare, e non intendo Barry Allen come eroe, ma voglio dire come show televisivo. Ha degli effetti visivi sorprendenti che non si vedono mai in televisione. E’ pieno di cuore, è pieno di romanticismo, è pieno di paure vere. E’ davvero la migliore versione di questo show.

In vista dell’imminente inizio della nuova serie Netflix targata Marvel, , il protagonista indosserà un costume interamente nero, una scelta fatta agli inizi dello sviluppo della serie.

Dovevamo trovare una logica coerente – ha detto Joe Quesada a Comics Continuum, direttore creativo della Marvel -Era un equilibrio delicato, perché le storie che raccontiamo sono molto realistiche. Matt inizia con un costume fatto in casa, che svilupperà poi lentamente. Dopo essere stato pestato durante i primi combattimenti, aggiunge delle protezioni poco alla volta.

Non potevamo uscircene con un tipo che se ne va in giro con un costume da diavolo rosso – ha detto , produttore esecutivo e presidente di Marvel Television – Dovevamo essere sicuri che non sembrasse un costume, ma un uniforme.

C’erano una storia e una mitologia cui dovevamo essere fedeli, ma doveva anche sembrare una cosa autentica – ha detto Stephanie Maslansky, costume designer del serial – Il costume iniziale doveva essere fatto con cose che chiunque troverebbe per strada, su internet o in un negozio di abbigliamento militare. Volevamo qualcosa dal tono militare e funzionale, ma anche drammatico e sexy. È stato difficile renderlo pratico e al tempo stesso farlo sembrare, come piace dire a Joe Quesada, ‘davvero figo.’

Steven DeKnight, produttore esecutivo e responsabile della serie, ha detto che i fan, vedendo la modesta uniforme da loro progettata, riconosceranno l’influenza dell’Uomo Senza Paura di Frank Miller, una incarnazione precedente di Daredevil.

Ha sempre indossato una maschera nera legata sulla nuca – ha detto DeKnight -Abbiamo valutato molte versioni diverse e fatto parecchie ricerche prima di arrivare a qualcosa di concreto. Se osservate con attenzione, noterete che il costume evolve leggermente verso che quella che possiamo definire una classica uniforme nera da ninja. La maschera cambia. Inizia a indossare delle protezioni. Alla fine si trasforma nella tuta classica, perché non sarebbe Daredevil senza di essa. Arrivare a quel punto è parte del divertimento. L’idea era quella di creare la storia di Matt prima che diventi Daredevil. Così potevamo creare in seguito un ambiente dove una versione della tuta rossa funziona in un ottica ben strutturata. La soluzione è eccitante e ha pienamente senso.

100 Nuvole di Celluloide - hr_marvels_daredevil_81-e1426931245560

The Walking Dead

Nel corso di un panel svoltosi nei giorni scorsi al South by Southwest Festival, Robert Kirkman ha avuto modo di parlare di vari progetti attualmente in lavorazione che ruotano attorno al serial trasmesso da AMC, tra cui lo spin-off ancora senza titolo, e un nuovo videogioco a cui starebbe lavorando Starbreeze Studios.

Posso dire che sarà simile a Payday [famoso videogame ndr], ma mi hanno detto che si tratterà di un mondo più grande di quello che Payday attualmente comprende – ha detto Kirkman – Stanno cercando di imparare il più possibile da Payday con l’intenzione di integrare alcune cose nel gioco di The Walking Dead. Probabilmente ho già detto troppo.

Kirkman ha poi affermato che la Skybound Entertainment, fondata da lui stesso nel 2010, ha avuto successo nel settore dei videogame perché permette ai suoi partner di deviare dal materiale di partenza.

Per quanto riguara lo spin-off con , di cui il network AMC ha recentemente ordinato due stagioni, Kirkman ha spiegato che non si tratta propriamente di un prequel dell’attuale serie televisiva.

Io non lo definirei un prequel in quanto questo show nella sua interezza non si svolge prima di The Walking Dead. Si finirà per arrivare a un punto in cui si svolgono in contemporanea. Ci possono essere alcune cose che vengono rivelate in questo nuovo show che non sono state ancora scoperte nel serial attuale, quindi ci potrebbe essere una cosa dove incontrano uno zombie che ha fatto [qualcosa] nella Stagione 4 di ‘The Walking Dead’, e ora sappiamo perché, ma per la maggior parte dovrebbe essere un serial capace di stare in piedi per conto suo.

Nel frattempo, Greg Nicotero, produttore esecutivo di The Walking Dead e dello spin-off, ha firmato nei giorni scorsi un nuovo accordo globale con AMC. Il ricco accordo di due anni prevede che Nicotero continuerà come produttore esecutivo e regista di entrambe le serie, portando avanti anche lo sviluppo di nuovi progetti per la rete.

Ha esordito nei giorni scorsi, sul network The CW, , l’adattamento televisivo della serie Vertigo, che ha avuto un buon riscontro da parte del pubblico grazie a 2 milioni di spettatori. Intervistato nei giorni scorsi da CBR, l’attore ha parlato del ruolo del malvagio Blaine, sottolineando anche il fatto che questo sia, nella sua carriera, l’ennesimo ruolo da villain.

Tutto risale a quando partecipai ad “Alias”. Posso sia ringraziare o incolpare J.J. Abrams per avermi scelto nel ruolo di Sark su “Alias”. Da allora, tutti mi vedono solo sotto una luce malvagia. In questo show, mi sto accarezzando di nuovo i baffi. Il mio personaggio gioca pesante, che è una cosa che mi piace fare… E’ un cattivo divertente perché si tratta di uno show leggero. Lo definisco uno “Zom-com-rom-dram” [zombie, commedia, romance e drama ndr] Non c’è nient’altro di simile. Ciò che rende un buon antagonista è la creazione di un personaggio che il pubblico non sa se picchiare o berci un drink assieme. Un sacco di persone hanno detto che i miei personaggi sono splendidamente terribili.

Anders ha poi spiegato nel dettaglio il personaggio di Blaine, che appare fin dal pilot nel terribile massacro zombie che porterà in seguito la protagonista Liv (] alla sua trasformazione.

E’ una pedina quanto lei, anche se ha contribuito ad alcune delle droghe contaminate che vende nell’episodio pilota. Si chiama Utopian, una droga mescolata con una bevanda energetica. Questo potrebbe avere qualcosa a che fare con tutta la faccenda degli zombie. Quando diventa uno zombie, Blaine afferra Liv, la graffia e la trasforma. Blaine non possiede una bussola morale. Liv è piuttosto incerta su come procurarsi e ottenere questi cervelli di cui ha bisogno per mangiare. Gli zombie su “iZombie” hanno bisogno di mangiare il cervello per mantenere la propria umanità, altrimenti diventano dei morti che camminano. Liv si rende conto che deve lavorare in un obitorio dove c’è una quantità abbondante di cervelli. Blaine invece se li procura in altri modi.
Blaine vuole essere il boss di Seattle. Penso che volesse essere il boss del crimine anche prima, ma non contava quasi nulla. Ora che ha questi poteri zombie, vede l’opportunità di essere il re degli zombie.

Kong King of The Apes

41 Entertainment e Arad Animation hanno concesso a MGA Entertainment la licenza esclusiva mondiale per realizzare giocattoli basati sulla serie di animazione targata Netflix Kong – King of The Apes, annuciata lo scorso ottobre, che farà il suo debutto nel 2016 con un lungometraggio che sarà seguita da 12 episodi di mezz’ora.
Ambientata nel 2050, la serie sviluppata con la CGI presenterà una versione moderna della classica storia King Kong. In “Kong”, l’isola di Alcatraz è stata trasformata in un parco di storia naturale e marino, con King Kong come l’attrazione principale, ma quando questi diventa nemico pubblico n ° 1, il cattivo che lo ha incastrato è libero di scatenare un esercito di giganteschi dinosauri robotici sul mondo. In fuga e ingiustamente accusato, Kong è anche l’unica forza abbastanza formidabile per fermare questi dinosauri con superpoteri.
La linea di prodotti MGA prevista comprende action figure, peluche elettronici, giochi, veicoli, giochi elettronici e di apprendimento per i bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni.

Siamo molto lieti di portare a bordo la grande creatività e il talento di MGA Entertainment – ha affermato Allen Bohbot, amministratore delegato di 41E – Abbiamo un programma di licenze completo e la risposta del mercato è stata grande. Non vediamo l’ora di introdurre ulteriori elementi di ‘Kong’ in modo importante al Licensing Expo di Las Vegas nel mese di giugno.

Deadpool

Le riprese di Deadpool, diretto da Tim Miller e con protagonista Ryan Reynolds si svolgeranno presso il Georgia Viaduct di Vancouver il mese prossimo, a partire dal 5 aprile e, eventualmente, la lavorazione durerà fino al 18 aprile. Il 5, le riprese si svolgeranno tra le 08 e le 20, mentre l’11 aprile si svolgeranno dalle 05 alle 17. La produzione ha la possibilità di utilizzare il viadotto il 12 aprile, e il 17,18 per le necessarie riprese aggiuntive.

Dopo uno scouting in Nord America e in Europa, abbiamo scelto Vancouver sia per ragioni di bilancio sia per la reputazione sempre più positiva della città per quanto riguarda il suo sostegno alle riprese – ha detto il produttore esecutivo John Kelly – È necessario l’utilizzo del viadotto per una scena critica che richiede la comparsa di viadotti autostradali che entrano in un grande centro urbano. Siamo molto lieti di avere l’opportunità di lavorare con la città di Vancouver.

Il sindaco di Vancouver Gregor Robertson ha dichiarato che la città sostiene fortemente l’industria cinematografica e televisiva, e i grandi benefici economici per la comunità. La produzione prevede di spendere più di 37.500 mila dollari direttamente e assumerà più di 1.100 persone a Vancouver.

Questa collaborazione con la 20th Century Fox è una notizia più che entusiasmante per la nostra economia in crescita e un altro modo importante di dimostrare che Vancouver è aperta agli affari, per film importanti – ha spiegato Gregor.

100 Nuvole di Celluloide - georgiaviaduct-e1426930785500
Il Georgia Viaduct che sarà utilizzato per le riprese di “Deadpool” a Vancouver il mese prossimo.

Cinebrevi

Team! Licensing  ha nei giorni scorsi concluso un accordo con 50 licenziatari del marchio Peanuts in Germania per celebrare il 65° anniversario quest’anno e l’uscita dell’atteso lungometraggio Snoopy & Friends- il Film dei Peanuts
La società ha firmato per una serie di promozioni pubblicitarie di alto profilo e linee che comprendono bevande, snack salati, popcorn, cioccolate, biscotti, prodotti di bellezza, detergenti e cibo per cani.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio