Immagina lo spazio bianco

Sandro Dossi immagina “Lo Spazio Bianco”

3

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?
Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.
Nostro gradito e gentile ospite di oggi è , uno dei maestri del fumetto italiano, con la sua illustrazione “Prima del fumetto è spazio bianco“. Buona visione.

Prima del fumetto è spazio bianco

Sandro Dossi immagina “Lo Spazio Bianco” - 31

 

 

nasce a Monza (Milano, Italia) nel 1944. Nel 1964 inizia la collaborazione con l’editore Renato Bianconi Sandro Dossi immagina “Lo Spazio Bianco” - 12disegnando storie del gatto Felix. Tra il 1965 e il 1975 disegna storie di personaggi come Braccio di Ferro, Geppo, Chico, Pinocchio e Tom e Jerry. Nel 1980 approda alla Disney e inizia a disegnare serie di storie con Topolino, Paperino e Paperinik (più di 200 in circa 25 anni). Tra il 1991 e il 1993 partecipa all’avventura del nuovo Tiramolla della Casa Editrice Vallardi, disegna per Rizzoli, Corriere dei Piccoli storie di Wile E. Coyote, Bugs Bunny, Silvestro, Speedy Gonzales e il Diavolo della Tazmania (personaggi Warner Bros) nonché storie di Topo Gigio e Prezzemolo per la FPM Editore. Tra il 1992 e il 1993 si occupa della formazione di nuovi disegnatori Disney presso la Epierre. Tra il 1994 e il 1995 illustra favole classiche e disegna storie della Pantera Rosa. Disegna serie di albi “attacca e stacca” di Calimero, la famiglia Smiley, Frosty, le Power Girls, Daffy Duck e altri personaggi.

Tra il 1996 e il 2004 realizza pubblicazioni di giochi per ragazzi, inserti educational, packaging, allineandosi alle moderne richieste del mercato editoriale. Nel 2002, all’entrata in vigore dell’euro, realizza per la Panini l’opuscolo esplicativo con un personaggio da lui ideato, Eurillo, e per la Banca Popolare dell’Emilia Romagna una guida divertente con i Flintstones (gli Antenati) che entrano nell’era della nuova moneta. Tra il 2004 e il 2008 disegna brevi storie a fumetti dei personaggi Warner Bros per la pubblicazione G-Baby dei Periodici San Paolo. Realizza direttamente per la Warner Bros statunitense una serie di sei libri activity book con Titti e Silvestro. Per la casa editrice Play Press produce l’Enigmistica di Tom e Jerry completa di giochi e disegni, collaborando inoltre con varie pubblicazioni di giochi enigmistici.

Sandro Dossi su Lo Spazio Bianco:
Intervista a Sandro Dossi: la mia vita con Geppo

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio