Recensioni

Funziona una volta sola

Funziona una volta sola - Senza-titolo-21 presenta al pubblico italiano la raccolta inedita di storie d’esordio di , uno dei più grandi esponenti del fumetto underground contemporaneo.
L’antologia si apre con la storia più corposa che dà nome al libro, Funziona una volta sola, incentrata sulla relazione amorosa fra due ragazzi e sulla voglia di cambiamento, in un racconto che affonda le mani nel classico genere gangster e lo rimodella su una vicenda adolescenziale.
Fra le altre troviamo La sciarpa, una storia d’amore muta e dal fortissimo impatto emotivo; The visible man, un ragazzo costretto, per vergogna, a coprire il suo volto sfigurato a seguito di un incidente, una riflessione amara che mostra come in realtà ognuno di noi, non differentemente dal protagonista, mascheri la propria persona di fronte agli altri.
è sicuramente il racconto più potente della raccolta; brevissimo ma intenso, anch’esso muto, dimostra a tutto tondo le enormi potenzialità dell’autore: due individui che si intravedono di sfuggita e si perdono nella frenesia della quotidianità, rappresentata da una massa indistinta di soggetti che sfrecciano forsennatamente su biciclette in un senso unico nel convulso groviglio di intricate linee cinetiche.

Funziona una volta sola - Senza-titolo-15
Gauguin e Pope a confronto.

Evidente è la volontà di sperimentare di Pope: si notano influenze dal grande fumetto europeo e le
contaminazioni della tecnica di disegno del manga attraverso l’utilizzo di retini; innumerevoli sono le citazioni colte: su tutte l’Antigone di Sofocle e l’omaggio a Paul Gauguin nella storia breve L’isola, in cui l’autore riproduce fedelmente Lo spirito dei morti veglia dell’artista parigino; una citazione alla Metamorfosi di Franz Kafka e molte altre.
Quella di Pope sembra essere una poesia disegnata e l’autore sfrutta le brevi storie come vera e propria palestra formativa: ognuna di esse si spinge oltre e sperimenta in ambiti e con stili totalmente difformi dalla precedente, esplicitando una forte tendenza eclettica e poliedrica.
Il suo è un tratto febbrile, dinamismo esasperato che scorre come un torrente di fronte agli occhi e muta incessantemente; si ha l’impressione di non riuscire ad afferrare e tenere ferme le figure, ogni sguardo sulla medesima tavola è rivolto a un soggetto che appare differente da quello che era stato solo nell’attimo precedente.

Funziona una volta sola - Senza-titolo-41
Tavola tratta dalla storia breve “Sì”

La raccolta è caratterizzata da un forte sperimentalismo grafico, e la cura della narrazione delle storie più corpose è posta in secondo piano. Quel che sembra interessare l’autore è distruggere e superare costantemente i propri limiti nel tratto, anche e spesso a scapito della narrazione stessa.
Una menzione positiva la dedichiamo alla minuziosa cura del lettering da parte dell’editore. Nel volume il lettering è parte integrante e necessaria delle tavole, spesso non inglobato in balloon; riscritto totalmente in italiano rispettando quanto più la forma originale, è un vero lavoro artistico operato a parte.
Un volume a tratti ancora acerbo, un’esperienza squisitamente grafica, consigliata principalmente ai veri amanti dell’autore per coglierne l’evoluzione e la formazione stilistica.

Abbiamo parlato di:
Funziona una volta sola

Traduzione di L. Favia
, dicembre 2014
288 pagine, cartonato, a colori – € 29,00
ISBN: 9788865432648

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio