Mostre e incontri

Presentazione campagna di crowdfunding per “Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni”

Comunicato Stampa

– incontro alla . Presentazione campagna di #crowdfunding sul documentario dedicato al grande Maestro e incontro aperto al pubblico

Sabato 17 gennaio – dalle 15 alle 17. – via Castelfidardo, 11 (Sacra Famiglia) – Padova

Presentazione campagna di crowdfunding per "Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni” - unnamed9

Il 17 gennaio dalle 15 alle 17 nella sede in via Castelfidardo 11 della Scuola Internazionale di Comics a Padova, ci sarà un incontro aperto al pubblico, ai fans, ai lettori con il grande Maestro, , famoso disegnatore Disney. Sarà anche l’occasione per condividere con chi ama il fumetto il progetto cinematografico “Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni”, un documentario,  per la cui produzione è stata lanciata ai primi di dicembre una campagna di crowdfunding che si chiuderà il 4 febbraio. Stefano Tamiazzo, direttore artistico della sede di Padova della Scuola Internazionale di Comics dialogherà con Giorgio Cavazzano e a seguire le curiosità dal pubblico. Si parlerà dei grandi collaboratori di Giorgio, dei personaggi da lui creati, del mondo Disney, di grandi matite internazionali. Ed anche, con la crew del documentario, di questo progetto cinematografico. Prodotto da FilmArt Studio e GoldWing Film, in collaborazione con l’Associazione Culturale Officina delle Idee, il documentario ha come autori il giornalista Francesco Verni e Diego D. Dimattia, anche regista del progetto, che afferma: “per me il Fumetto è un’arte e Giorgio Cavazzano è l’artista, l’uomo della Disney.  Un personaggio che non si deve perdere nel tempo. Dalla mia ricerca di artisti veneti e dal mio interesse anche per il fumetto, nasce l’idea di questo documentario: “Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni”.

Presentazione campagna di crowdfunding per "Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni” - 1410900971_10603262_10205028508898628_1960704124209343802_n

Nel documentario Giorgio Cavazzano sarà protagonista e voce narrante, direttamente dalla sua Venezia, di aneddoti e di incontri professionali, di amicizie e di geniali idee che hanno consentito alle sue sapienti mani, la stesura di splendide storie disegnate. Interviste a grandi personaggi in varie città italiane come Milo Manara, Silver, Vincenzo Mollica, Chendi, Tito Faraci e Francesco Guccini racconteranno, ognuna a suo modo, la genialità dell’artista fino ad arrivare agli Stati Uniti, patria di Walt Disney e dell’uomo che disegnava i paperi: Carl Barks. Per produrre il documentario è attiva una campagna di crowdfunding, fino al 4 febbraio sulla piattaforma indiegogo, http://igg.me/at/giorgio-cavazzano, poichè per realizzare un’opera che rispetti standard fotografici ed editoriali di alto livello serve un ulteriore sostegno di 20.000 euro, a copertura delle spese di post-produzione, delle edizioni in più lingue e della distribuzione in Italia e all’estero. L’obiettivo è di farlo diventare un grande successo a livello mondiale e di condividere con la comunità che si creerà attorno al progetto la passione per il fumetto e la storia di quest’arte. Info per l’incontro: tel. 049.87.52.352 oppure: padova@scuolacomics.it

SCUOLA INTERNAZIONALE DI COMICS DI PADOVA

Aperta nel 2008, la Scuola Internazionale di Comics di Padova, che vede la direzione di Stefano Tamiazzo, si trova in via Castelfidardo, 11, in zona sacra famiglia. A 10 minuti di autobus dalla stazione ferroviaria, la scuola dispone di 7 aule e di parcheggio interno. Inoltre durante la bella stagione si può godere di un bellissimo terrazzo durante i break. La scuola occupa una vecchia fabbrica del 1919 perfettamente ristrutturata, tetti alti, travi a vista, il tutto in contrasto con una tecnologia sempre aggiornata. La sede di Padova può offrire ai propri studenti una serie di convenzioni per l’acquisto di materiale a prezzi vantaggiosi ed è sempre presente a fiere e manifestazioni. Da sempre partecipa all’orientamento in scuole superiori e università. Dal 2008 si occupa dell’organizzazione del concorso per giovani autori con il Treviso Comic Book Festival (http://www.trevisocomicbookfestival.it/).

Presentazione campagna di crowdfunding per "Giorgio Cavazzano, la memoria nei segni” - 714_4

BIOGRAFIA DI GIORGIO CAVAZZANO

Giorgio Cavazzano è nato nel 1947 a Venezia. Dotato di un precoce talento per il disegno, inizia già a dodici anni a collaborare informalmente con il cugino Luciano Capitanio, correggendo e inchiostrando le tavole che questi approntava per Mondadori, Dardo e altre importanti case editrici di periodici per ragazzi. L’ingresso ufficiale nel comicdom arriva in maniera del tutto inusuale: durante un viaggio in vaporetto, una capricciosa quanto provvidenziale folata di vento sparse all’aria le tavole del cugino Luciano che Cavazzano teneva in una cartelletta. Una ragazza gli chiese chi ne fosse l’autore, e Giorgio se ne attribuì la paternità, cosa che persuase la ragazza a presentare quel quattordicenne, dal tratto così maturo, al suo fidanzato, il già affermato Romano Scarpa, uno dei maestri della produzione Disney in Italia. A Cavazzano è pure da attribuire la paternità grafica di alcuni personaggi secondari della variata genia di paperi e topi, quali “Reginella“, graziosa sovrana di un regno sottomarino, Ok Quack, Gambadilegno, Clarabella, la roulotte della Banda Bassotti, Vincenzo Paperica. Oltre alla produzione di stretta osservanza disneyana, il Maestro dà vita a numerosi altri personaggi, prevalentemente di taglio umoristico, anche attraverso importanti collaborazioni. Il primo lavoro di grande successo è infatti una serie particolare, dalle atmosfere noir, ideata da Tiziano Sclavi, futuro padre di Dylan Dog, Altai & Johnson, che viene pubblicata sul Corriere dei Ragazzi e racconta di due sgangherati detective (alla Starsky and Hutch) che in un altrettanto sgangherato ufficio cercano di sbarcare il lunario. Dopo il suo primo incarico nella pubblicità Cavazzano, sempre insieme al vulcanico Pezzin crea Capitan Rogers, un cacciatore di castori dell’America del XVIII secolo. Mentre il rapporto con Silver, il padre di Lupo Alberto, inizia nel 1989, quando questi disegna il personaggio di Eldoleo. Sempre con Silver sul finire degli anni Novanta, realizza una storia che può essere considerata una sorta di riunione Disney: su testi di Francesco Artibani e Tito Faraci disegna, infatti, Il tesoro di McKenzie. La carriera di Cavazzano (che da buon amante della musica ha fondato, nel 1965, una band, I Randagi, in cui suonava la batteria), però, si sviluppa principalmente sui personaggi Disney. A lui si deve anche la versione “papera” di Mina, Vincenzo Mollica, Fiorello, e molti altri personaggi.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio