Home > BreVisioni > Gli Incredibili X-Men #230

Gli Incredibili X-Men #230

Gli Incredibili X-Men #230 - immagine2-5543di AA VV
Panini Comics, ago. 2009 – 80 pagg. col. spil. – 3,30euro
Un sottile filamento genetico unisce la chimica corporea dei trasformisti Skrull a quella degli X-Men, mutanti guerriglieri e barricaderi in una San Francisco sull’orlo della capitolazione. Questa rivelazione, frutto della mente affilata della “Bestia” McCoy, diviene il momento saliente della penultima puntata della miniserie legata a Secret Invasion, che malgrado gli inizi promettenti si ascrive decisamente al superfluo. spinge sull’acceleratore rimpolpando le ventiquattro pagine con un po’ di tutto, imbastendo buoni dialoghi che non bastano a coinvolgere il lettore, mentre i protagonisti, provati da tre numeri di aspri combattimenti, risultano fiacchi interpreti di un copione compresso. In caduta libera la parte grafica, causa l’assenza di Cary Nord, affidata a un impalpabile Ma Sepulveda detentore di un tratto che sembra più adatto a bucoliche atmosfere fantasy che alla polvere dei campi di battaglia. Continua invece l’ottimo lavoro di Duane Swierczynski e su Cable, qui in versione di futuristico campagnolo in fuga dalle particolari attenzioni di Alfiere. Testi asciutti ma non vuoti d’ironia e un impianto grafico privo di cedimenti, confermano la bontà del duo di autori decisamente sopra la media. In chiusura d’albo riflettori puntati sulle mutanti Xi’an “Shan” Coy Mahn e Megan “Pixie” Gwynn, in due storie (tappabuchi) dagli sviluppi semplicistici firmate Cebulski-Yardin e Carey-Land. Dovendo riempire l’ultima riga: un voto alla fatina Megan. (Ferdinando Maresca)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.