Home > BreVisioni > Secret Invasion #4

Secret Invasion #4

Secret Invasion #4  - immagine1-5348di e
Panini Comics, mag. 2009 – 48 pagg. col. bros. – 3,00euro
In questo quarto numero dell’evento Marvel 2009 fa il suo esplosivo debutto Nick Fury, che scende nuovamente in campo dopo la latitanza, per combattere gli Skrull. Se la miniserie principale continua ad essere inferiore di qualità rispetto ai tie-in delle serie dei Vendicatori (sempre ad opera di Bendis, bisogna sottolinearlo) si deve dire che in questo albo la prosa di Bendis è più intrigante, più curata rispetto ai numeri precedenti, e offre una lettura più soddisfacente. Tuttavia è necessario sottolineare come, a sole quattro storie dalla conclusione, non ci sia ancora un filo conduttore preciso all’interno della miniserie e come le cose si ingarbuglino sempre di più numero dopo numero. Forte è il dubbio che l’ottimo scrittore canadese avrà molte difficoltà a sciogliere tutte le matasse e a regalarci un finale davvero convincente. Cio’ malgrado anche i disegni di Yu fanno registrare un miglioramento, anche se erano già sulla sufficienza nei precedenti albi. Si spera che di questo passo diventino davvero ottimi fino alla fine della storia. L’albo targato Panini contiene anche il primo numero di “Secret Invasion: Frontline”, riempitivo sicuramente più interessante rispetto a quelli propinatici fino ad oggi. La serie è stata scritta da Brian Reed e disegnata dall’italianissimo Marco Castello con la colorazione di Barbara Ciardo entrambi dello staff del GG Studio, casa editrice campana che negli ultimi anni sta cercando di ritagliarsi uno spazio importante nel panorama italiano. Per ora la serie pare buona, e la prova di Reed ai testi è certamente migliore di quelle viste nelle storie di Ms. Marvel. Buona anche la prova ai disegni dei ragazzi napoletani, a cui va un “in bocca al lupo!” per il prosieguo delle loro carriere. (Salvatore Cervasio)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.