BreVisioni

Jan Dix #1

Jan Dix #1 - immagine1-4752di
Bonelli Editore, mag. 2008 – 128 pagg. b/n bros. – 3,50euro
C’era una certa attesa, dopo la chiusura di Napoleone, per la nuova serie firmata da , anche perché le anticipazioni avevano incuriosito gli appassionati. Diciamo subito che cio’ che si sapeva di gia’, e cioe’ l’ambientazione europea (Olanda e Ungheria, per la prima storia), il ritratto del protagonista, consulente per il Rijksmuseum di Amsterdam, e le vicende che ruotano attorno al mondo dell’arte, sono le cose più interessanti in questo primo numero della nuova miniserie bonelliana. Scelte alquanto originali dettate dal desiderio di recuperare e di riannodare il rapporto coi lettori orfani della sua precedente serie, come del resto più volte dichiarato e riaffermato anche nell’introduzione all’albo. Compito che ci pare, da quel che si evince dalla lettura dell’albo, abbastanza riuscito, dato che ritroviamo alcune tematiche e situazioni (su tutte, l’uso del sogno come elemento di psicanalisi) già sperimentate in Napoleone. Pur considerando i sempre ottimi disegni dell’autore, è pero’ la sceneggiatura, anch’essa a firma di Ambrosini, che ci lascia alcune perplessita’, soprattutto per una risoluzione della vicenda, tra il noir e il soprannaturale, un po’ troppo telefonata e prevedibile. Pur non essendo stata, sotto questo punto di vista, una lettura molto avvincente, gli elementi perché questa sia una serie da seguire ci sono. Speriamo vengano sfruttati al meglio. (Alberto Casiraghi)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio