BreVisioni

City & Gender (Julie Maroh)

City & Gender (Julie Maroh) - cover ha appena pubblicato una raccolta di 6 ministorie di (autrice de “Il blu è un colore caldo” e di “Skandalon”). Si tratta di un’edizione molto particolare: bilingue, con i testi tradotti sia in inglese che in italiano, in una tiratura limitata di 1000 copie, presentata in un formato snello e compatto, simile ad un quaderno.La tematica è altrettanto originale, poiché la questione di genere è qui indagata in relazione allo spazio della città. La Maroh pone infatti in evidenza quelle che sono le definizioni e, di conseguenza, le restrizioni che compaiono nella società, già a partire dall’organizzazione del contesto urbano. Queste separazioni si sedimentano nella mentalità degli abitanti e nel loro modo di concepire quello che è proprio di ciascuno dei sessi. Chi si discosta da queste convenzioni viene subito etichettato come “diverso”. L’autrice sottolinea soprattutto la difficoltà delle donne di integrarsi in un “esterno” pubblico, percepito come un luogo pericoloso e inospitale, dove il corpo femminile è ridotto ad un oggetto ed è strumentalizzato dai media come tale.
Questo lavoro, tratto dalla miniserie pubblicata a Taiwan sulla rivista Big Issue, costituisce un esperimento interessante, realizzato in bianco e nero con uno stile piuttosto sporco e aggressivo. La città appare animata da sagome oscure, che si muovono indistinte nelle strade, rendendo lo spazio urbano territorio di violenze e inquietudini, che assegna ai suoi abitanti ruoli prestabiliti da cui è difficile riscattarsi. “E noi, cosa ci aspettiamo dalla città?”

Abbiamo parlato di:
City & Gender

, 2014
48 pagine, brossurato, bianco e nero – 9,00 €

City & Gender (Julie Maroh) - juliecs5

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio