BreVisioni

Dylan Dog #258 – La Furia dell’Upyr

Dylan Dog #258 - La Furia dell'Upyr - immagine1-4530di e
Editore, mar. 2008 – 98 pagg. b/n bros. – 2,70euro
Ritornano le firme di ai testi e di ai disegni per questo numero di Dylan Dog. Una storia veloce, con un soggetto molto lineare e una sceneggiatura scorrevole e abbastanza attenta a non lasciarsi dietro sottotrame aperte, ma che nonostante cio’ non risulta pienamente riuscito. Infatti almeno per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, Ruju non fa un gran lavoro: tutti i protagonisti e i comprimari appaiono bidimensionali, pronti a rischiare tutto senza grandi motivazioni e senza una vera e propria psicologia di fondo. In sostanza si tratta di personaggi scialbi e sottotono e anche i dialoghi ne risentono. In più la storia della seconda centrale nucleare sovietica, esplosa pochi giorni dopo Chernobil, non convince appieno, anche per meri motivi biochimici (due esplosioni in pochi giorni avrebbero sicuramente provocato maggiori danni). Un albo che si legge senza interruzioni e senza difficoltà nella comprensione, che prova ad appassionare (riuscendoci solo in alcuni momenti), ma che lascia ben poco una volta richiuso. Meglio la parte grafica, affidata al copertinista Stano, che dà il meglio di se’ in alcuni stupendi primi piani dell’Upyr e di Dylan, che rimarranno, loro si’, meglio impressi nella memoria dei lettori dylaniati. (Salvatore Cervasio)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio