BreVisioni

Wombat comics-magazine

di AA VV
, 2006 – 32 pagg. col. spil. – 5,00euro
Dalla linea Wombat, curata da per le edizioni Albatros, un albetto antologico che ha il grande merito di dare spazio ad autori giovani e giovanissimi, praticamente esordienti. Quattro storie e una strip di altalenante qualita’, ma che comunque valgono la spesa e la curiosita’. Anzi, a dirla tutta, a giustificare la spesa basterebbe “Cronache di un malandrino”, di Danilo Antonucci, una storia semplice ma ben scritta e soprattutto disegnata con uno stile maturo, tra il cartoonesco e il disneyano, che richiama il tratto di Juanjo Guarnido in Blacksad. Degna di nota anche i disegni di “Scozia-Inghilterra 0-0”, di Marco Cito, che fanno dimenticare i difetti di sceneggiatura. Meno riuscite le altre storie lunghe. “Senza parole” per i testi di Riccardo Bruno e i disegni di Gianmaria Troiano (evidente il debito verso il padre), che mostra tutti i limiti d’esperienza dei due autori. “Vergine di spade”, di Francesco Graziani, lascia intuire un segno ricco e potente, che si ispira ai fumettisti dallo stile pittorico, ma che è ancora molto immaturo. Carini infine i disegni di Benedetta Pontiroli, ma la sua storiella umoristica ha il grave difetto di non far ridere. Speriamo presto di vedere un Wombat numero due! (Ettore Gabrielli)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio