BreVisioni

Red Eye, Black Eye

di K. Thor Jensen
Alternative Comics, 2007 – 304 pagg. b/n bros. – 19,95$
In giro per gli States con un servizio pubblico di pullman, solo il biglietto e qualche dollaro nelle tasche, Jensen ricerca la propria iniziazione e la propria folgorazione. Nessuna delle due arriva e l’amara constatazione dell’autore, al termine del volume, sembra essere proprio la rassegnazione a una vita normale, quotidiana, priva di eventi rivoluzionari. Il tema è importante, il racconto è autobiografico, la sincerità apprezzata. Al lettore, tuttavia, rimane un complessivo senso di vuoto: nessuna delle tante storie raccolte da Jensen nei suoi incontri appare davvero degna di essere raccontata. Restano piccoli aneddoti di vita qualunque, che fanno sorridere e poco più. Anche la forma del racconto, dopo le prime pagine, risulta ripetitiva e stantia. Certo Jensen è un bravo narratore a fumetti, che avrà modo di confermarsi con altre prove. Ma questo Occhio rosso, occhio nero, non arriva dove avrebbe dovuto, al cuore del lettore. (Guglielmo Nigro)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio