Recensioni

L’ira di Caino, l’orrore della guerra raccontato da Caccaman

Cliccare per ingrandire

L’ira di Caino è una breve storia scritta e disegnata da Emilio “Caccaman” Battiato, edito da Spectre Edizioni che dà inizio alla sua attività con questo volume. L’azione si svolge sul finire della seconda guerra mondiale in una Berlino devastata dalle bombe alleate, dove un cecchino nazista porta avanti una disperata e impossibile resistenza contro una truppa di soldati americani. L’autore è abile nel narrare la storia attraverso poche manciate di secondi alla volta: un cecchino che aggiusta la mira, un proiettile che impatta sulla sua vittima, un tenente che deve prendere una rapida decisione, l’urlo che precede la morte.

La narrazione gioca con il tempo: ora accelerandolo ora dilatandolo con un montaggio serrato, ritmico in cui con sequenze che si ripetono divenendo una sorta di leitmotiv si passa dal primo piano, al primissimo, al dettaglio oppure utilizzando una sorta di split screen con il felice risultato di innalzare la carica emotiva quando necessario. Solo una vignetta è dialogata, per il resto le tavole sono accompagnate ognuna da poche spietate righe di didascalia che immedesimano il lettore nell’inferno della guerra. È un racconto che di edificante ha ben poco, dove l’eroismo non trova ricompensa, in cui il giudizio morale è sospeso, sepolto sotto le macerie della città bombardata.

L'ira di Caino, l'orrore della guerra raccontato da Caccaman - Ira-di-Caino-dettaglio-tavola-15-solo-centro

Pur possedendo un buon tratto, il lavoro come disegnatore dell’autore è superato dal lavoro compiuto come sceneggiatore. La maggior parte delle tavole si fanno apprezzare per gli espedienti grafici, riescono a essere penetranti, evocative e a trovare una loro poetica; in altre invece la qualità dei disegni cala e si ha la sensazione che l’autore avrebbe potuto far meglio, in particolare per quanto riguarda dettagli anatomici e panoramiche. Degno di nota l’abile uso delle ombre e delle luci, con passaggi netti e drastici dall’una all’altra: in alcuni momenti però, in maniera repentina, l’autore abbandona tale stile, dando al lettore una sensazione di spaesamento, di incoerenza grafica.
Nel complesso il primo lavoro con disegno realistico di Caccaman è una buona prova che suggerisce di tenere alta l’attenzione sulla produzione futura dell’autore.

L'ira di Caino, l'orrore della guerra raccontato da Caccaman - Ira-di-Caino-dettaglio-tavola-22-vignetta-centrale

Abbiamo parlato di:
L’ira di Caino
Emilio Caccaman
SPECTRE Edizioni
36 pagine, bianco e nero, brossurato – 5,00€

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio