Nuvole di celluloide

Nuvole di Celluloide – Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D., Gotham, Batman V Superman

shield2

Nuvole di Celluloide - Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., Gotham, Batman V Superman - Avengers_Acura_ShieldOpsSite1Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D.

Con la messa in onda, lo scorso martedì, del primo episodio, è ufficialmente partita negli USA la seconda, attesa stagione del serial Marvel creato da . In una lunga intervista a Variety nei giorni scorsi, gli showrunner della serie, e hanno parlato della nuova stagione e di quello che attende il pubblico, sottolineando le differenze con il passato e la ovvia pressione nei confronti delle aspettative dei fan.

C’è sempre pressione, ma la seconda stagione è decisamente diversa. Ci siamo fatti un po’ i muscoli con la prima stagione iniziando a introdurre al pubblico dei nuovi personaggi. Nessuno di questi esisteva nei fumetti. Solo uno di loro era apparso nei film. Abbiamo avuto il tempo di gettare le fondamenta nella scorsa stagione, mentre in questa sappiamo chi sono questi personaggi, avendo sviluppato i loro sentimenti, che siano essi positivi o negativi, e non dobbiamo spendere altro tempo con le loro biografie – ha dichiarato .

Sì, penso che un peso enorme che ci siamo tolti di mezzo sia che il nostro pubblico conosce già i protagonisti, e nella seconda stagione stiamo operando molto all’interno di un nuovo paradigma. Lo SHIELD è caduto, siamo ben consapevoli che l’HYDRA è là fuori ed è stata operativa dall’interno, quindi il nostro team è stato costretto a nascondersi. Arriveremo ad esplorare che cosa significa tutto questo per la nostra squadra. E sono sicura che abbiate visto in tutte le notizie riguardanti il casting che ci sono alcuni volti piuttosto nuovi. Quindi c’è anche questo aspetto. Ci sono un sacco di nuovi elementi che stiamo presentando così come affrontando tutte le questioni che sono state lasciate senza risposta nella scorsa stagione. E per quanto riguarda la pressione, beh, quella c’è sempre – ha aggiunto invece la Tancharoen.

Guardando al recente passato, ovvero alla prima stagione, Whedon e Tancharoen hanno esaminato quali siano state le lezioni imparate nel corso del primo anno della serie.

Abbiamo avuto un grande segreto che abbiamo dovuto tenere nascosto per tutto l’anno – ha spiegato Whedon – Questa è l’unica cosa che faceva percepire la differenza del nostro show nei confronti di altri serial, ovvero che abbiamo avuto una parte enorme della nostra mitologia che stava per essere rovesciata e non ci era permesso parlarne. Dovevamo stare molto attenti. Oltre a questo, abbiamo affrontato fondamentalmente la stessa cosa che la maggior parte dei nuovi show deve affrontare; ovvero cercare di restare in piedi. Assembli un cast e riempi una stanza di sceneggiatori sapendo già quali sono le storie che vuoi raccontare o scoprire lungo la strada, e allo stesso tempo capisci cosa funziona e cosa no.

Penso che l’anno scorso eravamo al lavoro su un progetto composto di molti primati – ha agiunto la Tancharoen – Si trattava della prima joint venture tra Marvel e ABC. E ‘stato il primo show televisivo live-action della Marvel. Così abbiamo parlato il progetto abbia attirato molta attenzione e molte aspettative, e anche che il punto di riferimento che le persone hanno erano i film Marvel, proprio per quanto riguarda i contenuti live-action. Quindi, detto questo, penso che abbiamo imparato nel corso della scorsa stagione come ottenere lo stesso tipo di sentimenti e di appagamento che sono insiti nelle proprietà Marvel, così come le storie nel nostro mondo che dispone di persone con poteri, alieni e divinità e mostri. Alla fine abbiamo trovato il nostro posto felice in cui sappiamo come bilanciare la storia con i classici elementi che utilizza la Marvel.

Sì, c’era la pressione di competere con i film – ha continuato Whedon – vedi apparire il logo Marvel all’inizio e ti aspetti di vedere quegli eroi. Ci è voluto un po’ per trovare i nostri punti di forza. Ci è stato permesso di sviluppare questi personaggi per un lungo periodo. Quindi, ci è voluto un po’ di tempo per tutti quei semi per crescere e dare risultati. Ma ora che siamo alla seconda stagione possiamo trascorrere del tempo con questi personaggi e questo è ciò che è attraente per quanto riguarda il rapporto della TV contro il cinema, ovvero la quantità di volte in cui si possono sviluppare le trame.

Intervistato da Marvel.com, l’attore ha invece parlato di Grant Ward e di come troveremo il personaggio dopo il tradimento perpetrato ai danni del team e dello SHIELD, puntando l’attenzione su chi è davvero quest’uomo senza l’ombra del suo malvagio mentore, Garrett.

Chi è Grant Ward senza l’agente Garrett? Lui è sempre il numero due. Egli può eseguire gli ordini davvero bene. Può fare scelte difficili e qualche volta può fare cose sgradevoli in nome di qualcosa a cui sente di credere. Ma non siamo esattamente sicuri di chi sia Grant Ward senza qualcuno che gli dica cosa fare… Ho avuto un sacco di tempo per pensare a questa domanda. Sono davvero felice che gli sceneggiatori non abbiano cercato di realizzare uno story arc incentrato sulla sua redenzione alla fine della scorsa stagione, perché credo che sarebbe stato affrettato. Ora abbiamo una intera stagione per esplorare tutto questo.

Penso che sia una buona cosa avere ottenuto l’opportunità nella scorsa stagione di esplorare il passato di Ward. Tutta quella roba sulla sua famiglia e i suoi fratelli e la sua travagliata infanzia e Garrett che veniva fuori quando era nel carcere minorile aprendogli una porta e dicendo: “Vuoi la pillola rossa o la pillola blu?”. Abbiamo visto un sacco del suo passato. Ora penso che vedremo molto del suo futuro e quello che deciderà di fare da qui in avanti.

Nuvole di Celluloide - Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., Gotham, Batman V Superman - wardshield-e1411640429881

Intervistato nei giorni scorsi a ridosso del debutto di sulla Fox, l’attore ha avuto modo di descrivere il personaggio di James Gordon, facendo i paralleli con un altro poliziotto del piccolo schermo da lui interpretato, ovvero il Ben Sherman del bellissimo (ma sottovalutato) Southland.

Lui è diverso, in quanto crede di star tornando in una città in cui è cresciuto per portare avanti l’eredità di suo padre. In Southland, Ben Sherman aveva scelto la sua professione in opposizione a quella di suo padre. Suo padre era Procuratore Distrettuale di alto profilo, e Sherman voleva distinguersi e creare una sua identità facendo rispettare la legge. Gordon fa ritorno per completare l’eredità di suo padre ma si rende conto quasi subito che questi non era chi pensava che fosse. Con Gordon è tutto più difficile e complicato.

Non sono cresciuto leggendo un sacco di fumetti. Ho guardato il Batman con Adam West con mio fratello e abbiamo letto un paio di fumetti in giro. Ricordo di aver letto Iron Man, che mi è piaciuto molto. Non posso dire di essere un aficionado. Geoff Johns mi ha inviato delle copie di Gotham Central, Batman: Long Halloween e Year Uno, che mi era familiare. Ho fatto la voce di Bruce e Bryan Cranston ha interpretato Jim Gordon nel film d’animazione. Geoff e io siamo andati a pranzo e gli ho chiesto di aiutarmi. Mi disse che questa è una versione inedita, perché non c’è molto materiale su questo capitolo della vita di Gordon. Quello che c’è, lo stiamo creando con la presunzione di avere al centro Jim come un detective incaricato di investigare sulla morte dei coniugi Wayne. Venendo a contatto con Bruce in età precoce è un po’ una sorta di partenza dal materiale che abbiamo a disposizione. Ma che apre un mondo intero. Non dovete fare affidamento sul giovane Bruce per raccontare la storia. Si può vedere Gotham attraverso gli occhi di un detective che è un ambizioso, intelligente, dedicato e decorato eroe militare che viene attirato in una terra caotica e moralmente in bancarotta. Stiamo pagando il dovuto rispetto al materiale per come è stato scritto. Ci sono molte somiglianze con Gotham Central, ma per il fatto che si tratta di una storia sulle origini, ci sentiamo relativamente liberi di aggiungere il nostri contributo.
Per Gordon è una sorpresa il livello di corruzione, di avidità e immoralità generale presente a Gotham. E’ una lotta costante per lui capire come si potrà mai avere successo in una città che sembra essere aldilà della redenzione.
Quello che stiamo raccontando è una tragedia greca, dove nessun uomo o donna sono più grandi del mondo in cui si trovano. Gordon non è un cattivo poliziotto; lui è il migliore in circolazione, ma Gotham e l’intero sistema sono più grandi di lui. Anche se riesce a liberarsi dalla sua catena, la città lo sta ancora inghiottendo in termini di declino e lo sta trascinando verso il basso moralmente. Non si può rimanere indenni.

McKenzie ha poi evidenziato la relazione tra Gordon e il giovane Bruce Wayne, interpretato nel serial da .

E’ un rapporto complicato. Entrambi sono legati da un trauma condiviso. Jim ha perso suo padre in un’età simile a quando Bruce ha perso il suo papà. Jim vede in Bruce se stesso e sta cercando di fare da mentore a questo giovane e impedirgli di scivolare in un mondo pieno di odio e rabbia e in cui egli cercherà vendetta ad ogni costo. Sappiamo che Bruce diventerà Batman, ma come ci arriva e come Jim lo aiuta a non cedere – e ci sono volte in cui fallisce – è un viaggio interessante. Ha echi di un rapporto padre-figlio e allo stesso tempo, Bruce è così intelligente, che in un certo senso, è quasi come se fossero coetanei.

Nuvole di Celluloide - Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., Gotham, Batman V Superman - batman-vs-superman2

Continuano incessanti le riprese dl sequel di Man of Steel diretto da Zack Snyder. Nei giorni scorsi la lavorazione è avvenuta presso la ormai abbandonata Michigan Central Train Station di Detroit, che si trova nella zona Downtown della città. Secondo quanto riferito da ABC7, di cui potete vedere anche un breve servizio di seguito, le scene filmate hanno visto la creazione di numerose esplosioni, fumo, oltre a una finta pioggia e l’ausilio di elicotteri.

Intanto, i tecnici della troupe stanno da qualche giorno allestendo un nuovo set a Detroit. Si tratta di una vecchia casa nella zona di Brush Park, una zona in cui si trovano numerose residenze risalenti alla Gilded Age, un periodo storico il cui nome venne coniato da Mark Twain, famoso per la sua crescita economica. Secondo alcune indiscrezioni, i tecnici stanno apportando dei miglioramenti all’abitazione, il cui design fu realizzato da Henry T. Brush e George D. Mason per poi essere costruita tra il 1876 e il 1878.

Film Marvel: un corso all’Università di Baltimora

L’Università di Baltimora ha lanciato uno speciale corso per i propri studenti, specialmente se appassionati dei grandi successi cinematografici dei Marvel Studios.
Intitolato “Media Genres: Media Marvels”, il corso promette di “esaminare l’interconnessione di film e show televisivi, oltre a supporti correlati e fonti fumettistiche oltre agli scritti di Joseph Campbell che offrono importanti intuizioni sulla cultura moderna”, come specificato da un comunicato stampa dell’istituto.

Una cosa che faremo è tuffarci nell’impatto che ha avuto il film Guardiani della Galassia, il quale ha dimostrato due cose: il pubblico del cinema mainstream non è lontanamente stanco di film di supereroi; e i Marvel Studios possono ora lanciare una avventura sci-fi che in realtà dispone di alberi parlanti e procioni – ha dichiarato Arnold T. Blumberg, che insegna al corso.

Cinebrevi

Ancora casting per le riprese di . Diffuso un annuncio per la ricerca di modelli, uomini e donna, sui 25/30 anni, fisicamente in forma per sequenze che saranno filmate nell’area Buckhead di Atlanta il prossimo 3 ottobre.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio