Interviste

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni ’90

THUMB

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - IMG_0089

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - Banner-articoli

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - Banner-omaggi

 

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - AVAndrea Voglino, oltre a essere un valente collaboratore esterno de Lo Spazio Bianco, è un grande appassionato e conoscitore della nona arte. Milanese, classe 1965, debutta professionalmente nel mondo dell’editoria a fumetti alla fine degli anni ’80, niente meno che come assistente del mai dimenticato Enzo G. Baldoni. Con un tale biglietto da visita, salta a bordo a metà anni ’90 del progetto della Glenàt che porta, dopo un’assenza durata troppi anni, al ritorno del Cavaliere oscuro nelle edicole italiane con la rivista – Nuove e vecchie superstorie. Da lì in poi ha continuato a lavorare nel campo fumettistico a svariati altri progetti, non disdegnando affatto di dedicarsi professionalmente anche al web e a progetti di animazione.
Visto che Andrea è uno di noi non potevamo certo lasciarci sfuggire l’occasione, per lo Speciale 75, d’intervistarlo sulla sua esperienza editoriale con l’Uomo pipistrello!

 Ciao Andrea e benvenuto, stavolta, dall’altra parte della “barricata” de LSB!
Partiamo con una premessa. Nella seconda metà degli anni ’80 ci fu il “rinascimento” delle testate supereroistiche in Italia. Era l’universo Marvel a farla da padrone, con le pubblicazioni Star Comics e Play Press. Ricordo che, tra gli appassionati, girava la voce, ammantata da un’aura mitica, che presto anche Batman sarebbe tornato nelle edicole italiane: avremmo dovuto aspettare il settembre 1992, però…
Ci racconti quando e come nacque il progetto Batman della Glenàt?
Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - CM58
In realtà, il progetto fu un’intuizione di Fulvia Serra, che essendo in ottimi rapporti con la dirigenza della DC Comics, aveva avuto in tempi non sospetti il colpo di genio di irrobustire il cast artistico della rivista Corto Maltese con opere come Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller, The Killing Joke di Alan Moore e Brian Bolland e ancora Arkham Asylum di Grant Morrison e Dave McKean. In realtà, però, l’apertura alle produzioni inglesi e americane faceva parte di un approccio autoriale comprendente anche produzioni Dark Horse e Marvel: anche se pochi lo ricordano, su Corto uscirono anche opere come Casi Violenti ed Elektra: Assassin. Un bel canto del cigno per la rivista, purtroppo destinata a chiudere nel giro di pochi anni.

Che cosa ricordi di quell’avventura in Glenàt? Oltre a te, nel progetto era coinvolta, tra gli altri, Fulvia Serra, proprio colei che aveva portato in Italia il Cavaliere Oscuro di Frank Miller…
Il ricordo più intenso è la collaborazione con Enzo Baldoni, cui mi legava la passione per il Pipistrellone e i fumetti in generale: andando a bottega da lui come copywriter e sapendo delle sue scappatelle come critico e traduttore di fumetti, mi ero zerbinato ai suoi piedi implorandolo di chiamarmi in qualunque momento casomai avesse avuto bisogno di aiuto su Batman & C. L’occasione arrivò con il team-up fra il Pipistrello e Judge Dredd, Giudizio su Gotham, e con una bella chiacchierata sul mondo di 2000 A.D., che da buon nerd bazzicavo con gusto. Temevo che i miei racconti di prima mano su Mega City One, i giudici e compagnia cantante annoiassero Enzo a morte e invece, a quanto pare, lo impressionarono favorevolmente. Tanto che le chiacchierate sui comics si fecero più frequenti e qualche mese dopo mi chiamò per offrirmi di entrare a far parte della squadra del quindicinale. Quanto alla direttora, ho la sensazione che amasse più il Batman di Bob Kane e quello “fuoriserie” degli one-shot e delle Leggende che quello delle collane regolari: da qui la scelta di una rivista di Nuove e vecchie superstorie, come recitava il sottotitolo.

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - GLENAT_BATMAN001Perché il formato più grande del consueto 17×26? Cosa dettò tale scelta editoriale?
La volontà di riutilizzare le pellicole usate nella realizzazione della rivista in raccolte che poi, purtroppo, non videro mai la luce. Cosa che aveva comportato anche la rinuncia alla numerazione delle pagine. Va detto, però, che in Rcs il formato dei fumetti non era mai stato considerato un tabù. Prova ne sia che a suo tempo sia il Dark Knight che Ronin di Miller fossero usciti in formato extralarge su Corto ma anche in volume, suppongo per ottimizzare le pellicole di stampa. Una questione di banali economie di scala, che all’epoca fu accolta dai puristi con robuste alzate di sopracciglio, e che oggi è prassi accettata… Penso all’Oscar Mondadori su Batman di inizio millennio o ai tre Batman di Neal Adams della Planeta.

 Il primo numero della rivista conteneva il numero 408 della serie Batman originale, del 1987, con la prima apparizione di Jason Todd, il secondo Robin. Da cosa fu motivata la scelta di iniziare le pubblicazioni con storie cronologicamente cinque anni indietro rispetto alla data di uscita?
Come riportare nelle edicole una testata che aveva interrotto le pubblicazioni con il numero 66 della collana Cenisio, nel 1981? In undici anni di assenza dalle edicole, ne era passata di china sotto i ponti. Ma ripartire dai primi anni ’80 sarebbe stato impossibile. Si trattava di materiale datato più adatto a un Batman Classic che a una rivista al passo con i tempi. Antonio Caronia, responsabile del piano editoriale, scelse piuttosto saggiamente di ripartire dal reboot operato sulle serie regolari dalla DC dopo l’uscita di Batman: Year One, anch’esso già allegato a Corto. L’idea era di non perdere troppo il passo con le nuove serie statunitensi come Legends of the Dark knight e delle saghe come Knightfall, altrimenti irraggiungibili. Considerando che Rizzoli non credeva nell’universo DC tanto da “spalmare” la produzione su varie testate come d’abitudine in Play Press, Star Comics, etc., non ci furono alternative. Per la cronaca, all’epoca si chiacchierò anche di una analoga pubblicazione sull’Uomo d’Acciaio. Avrebbe dovuto partire proprio nel 1993 con La morte di Superman. Ma come sappiamo, le cose sono andate in tutt’altro modo.

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - GLENAT_BATMAN015Dal numero 15 della rivista cominciaste a pubblicare proprio le storie di Legends, forse la migliore testata anni ’90 dedicata a Batman, e la saga Knightfall. Ma non sarebbe stato meglio forse seguire un andamento cronologico lineare o, al limite, una doppia linea temporale che affiancasse alle storie più recenti quelle più “datate”?
Vedi sopra. Ma a quanto detto, aggiungerei due elementi. Primo, la volontà forse inconscia di distinguersi apparentando la rivista più al format contenitore delle “sorelle maggiori” Linus e Corto Maltese che alle altre pubblicazioni supereroistiche allora in voga. Secondo, le missive di centinaia di lettori, che forti delle preview intraviste su riviste specializzate e fanzine come Made in Usa,  chiedevano a gran voce di allineare la rivista a saghe come Morte in Famiglia, Knightfall, appunto, o one-shot come Red Rain. Non poteva che uscirne un prodotto un tantino schizofrenico. Ma guardando indietro, personalmente, l’unico dettaglio su cui tornerei è la grafica. Ricordo la definizione di un detrattore particolarmente arguto, che parlò di “edizione bulgara”: con tutto il rispetto per grafici e bulgari, aveva ragione da vendere.

In molti numeri della rivista si alternavano storie più recenti a ristampe di storie classiche, formato in seguito ripreso più volte da altre collane anche negli ultimi anni (ad es. i Fantastici Quattro ma anche Thor edizioni Panini, con ristampe di episodi di Lee, Kirby ecc. in appendice). Credi che questa formula mista possa aver costituito un buon modo per portare fumetti della Golden Age in edicola, che magari pubblicati da soli non avrebbero suscitato grosso interesse?
Quando ti porti dietro cinquant’anni di avventure, dimenticare il passato non è solo un peccato: è una bestemmia. Soprattutto se puoi contare su un’unica collana. Credo che qualunque lettore con un minimo di autentico amore per Batman non potesse che apprezzare le pagine vintage di Bob Kane, Jerry Robinson e Bill Finger che facevano da ideale dessert al menu di ogni numero. Quindi sì, approvo incondizionatamente un mix oculato di vecchio e nuovo. Anche perché l’alternativa sono edizioni magari più ricercate, ma rese forzatamente più costose dalla scarsa domanda e dal minor numero di copie disponibili. Parlo, ad esempio, del Batman Chronicles della RW/Lion: volume di gran pregio, ma con un prezzo che lo limita automaticamente a una élite di collezionisti.

Andrea Voglino e il ritorno di Batman nelle edicole italiane a metà anni '90 - Bill-Finger-3La rivista durò 52 numeri, fino al 38 come quindicinale e poi come mensile. Suppongo che la chiusura fu dettata dal passaggio dei diritti di pubblicazione di Batman alla Play Press. Ma, nell’arco della sua esistenza, come fu accolta dagli appassionati la testata e come andarono le vendite nel complesso?
Per l’epoca andò benino, anche considerando l’ostilità preconcetta di quella fetta di pubblico che avrebbe preferito vedere i diritti DC ovunque tranne che nelle grinfie dell’odiata Fulvia Serra. Talebani del fumetto che, al netto di decisioni obiettivamente opinabili come la pubblicazione di Watchmen, V For Vendetta e L’Uomo d’Acciaio come inserti low cost di Corto, evidentemente non apprezzavano nemmeno di portarsi a casa gratis et amor dei brossurati prestige come Anno Uno o The Killing Joke. Al momento del passaggio alla Play Press, se ben ricordo, la testata viaggiava dalle parti delle dodicimila copie vendute: non un record, ma nemmeno un disastro. D’altro canto, l’azienda aveva smesso di credere nei fumetti da tempo… E certe cifre non giustificavano la sopravvivenza della testata. Una logica comprensibile, nell’ottica di chi era abituato alle centinaia di migliaia di copie di Oggi o Novella 2000. In quel senso, per fortuna, l’aria è cambiata: lo dimostrano i tanti collaterali a fumetti (anche DC) pubblicati negli ultimi lustri dal Corriere della Sera e da La Gazzetta dello Sport.

Da ex redattore Glénat e Play, come giudici l’operato degli editori che ne hanno raccolto l’eredità, cioè Planeta DeA e RW/Lion?
Non finirò mai di ringraziare la Planeta per aver avuto il coraggio di proporre ai lettori gioielli misconosciuti come la Lanterna Verde vintage di Gardner Fox e Gil Kane o Omac di Jack Kirby, anche se la cura redazionale meriterebbe un capitolo (umoristico) a parte. Riguardo la RW/Lion, trovo che Lorenzo Corti & C. stiano facendo un gran lavoro per la capillarità delle proposte, ma anche per la passione e la cura redazionale. In tanta abbondanza, si può passar sopra anche a peccati veniali come la qualità di stampa non sempre eccelsa dei Classici DC su Batman. Il punto, semmai, sta nella qualità intrinseca piuttosto altalenante del materiale originale più fresco di stampa: ma questo è un discorso che bisognerebbe girare alla casa madre, che ormai vede i comics come una prosecuzione del marketing con altri mezzi più che come un prodotto culturale dotato di valore intrinseco. E poi, mi manca di brutto Dennis O’Neill: uno come lui non dovrebbe avere il diritto di andare in pensione!

Grazie Andrea per questa bella intervista!

 Intervista realizzata via mail in data 28/06/2014

2 Commenti

2 Comments

  1. Andrea Voglino

    25 maggio 2016 a 12:42

    Andrea Voglino non soffre. Al limite, s’offre, come feci, ben accetto, alla Play. collaborando alla realizzazione di tante collane e one-shot DC che sicuramente Sollazzo avrà letto fra il 1992 e il 1998. In poco più di un lustro, qualche topica l’ho infilata, perché solo chi non lavora non sbaglia: ma oltre al cuore alla tecnica, ci ho sempre messo la faccia, vedi http://avsl.blogspot.it/2009/07/mai-scherzare-con-i-nerd.html. Un approccio che continuo a trovare più costruttivo che sollazzarsi lanciando sassi nascosto dietro a uno pseudonimo.

  2. RECENSIONI

    12 maggio 2016 a 16:24

    Il tempo non rimargina le ferite. A distanza di quasi 25 anni Andrea Voglino soffre ancora per le proteste le invettive che dodicimila lettori inviano per posta o mentalmente alla sciagurato Batman della Glenat. Sciagurato Batman perché finito nelle mani di chi non lo amava, di chi lo disprezzava, tranne che ovvio nella versione “colta” (nelle pretese) delle graphic novel. Soffre tanto Voglino da chiamare talebani, i lettori che per qualche anno gli hanno dato da mangiare. Soffre tanto che li chiama duri e puri. Uno staff con spessore avrebbe chiamato così i suoi lettori mentre la rivista usciva in edicola, sulle sue pagine, non a posteriori. Eppure volevamo soltanto che ci fossero redazionali all’altezza (la star comics presentava note filologiche appassionanti, piene di amore per la materia trattata) delle storie pubblicate. Niente rispetto per la continuity, storie saltate, pagine non numerate (la scusa delle raccolte fa ridere oggi come allora, ho letto centinaia e centinaia di raccolte con le pagine regolarmente numerate come all’origine. Antipatia per i numeri?). La verità era che il mercato tirava, non da molto erano usciti i film di Tim Burton e forse c’era da guadagnare qualche spicciolo. Ecco allora che ci s’inventò un albo ad alta tiratura, ma con la spocchia della rivista di nicchia. Ai lettori non importava nulla delle tirate della direttora (ricordo ancora i suoi irritanti incipit su Corto Maltese “…Percorsi”, ma parla come mangi.). Volevano sapere di storie, personaggi, di collegamenti di caratteri. Mai vista una rivista con più disprezzo per i suoi lettori. Ricordo il povero Caronia che s’arrampicava sugli specchi per giustificare la folle conduzione della rivista. No, non erano le storie vecchie a dispiacerci, anzi erano parecchio del buono che c’era, erano l’alterigia, l’autoreferenzialità di chi editava l’albo.
    Una mera operazione commerciale mal congegnata, i lettori di riviste non amano gli albi popolari e viceversa, ma soprattutto SENZA AMORE per ciò che si pubblicava, ma tanto per se stessi. No caro Voglino, i talebani, i duri e puri eravatevoi e non ve ne siete accorti.
    Un urlo di gioia percorse le edicole italiane quando i diritti passarono alla Play che fece di Batman una rivista più che accettabile, soprattutto attenta ai lettori.

    Cordiali saluti
    Gianni Solazzo

    PS
    Posseggo l’intera collezione e rileggere gli editoriali della direttora, il loro essere fuoriluogo su Batman fa ancora sorridere..

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio