BreVisioni

Dark Side #14 – Hellblazer: Abitudini pericolose

di e William
RCS quotidiani/Panini Comics, 2006 – 168 pagg. col. bros.
6,99euro + il prezzo del quotidiano
Qual è la cosa più spaventosa della nostra esistenza di uomini? Certamente la morte.
I demoni, la magia nera, l’inferno, sono solo una faccia comprensibile e trattenuta dell’angoscia della fine dell’esistenza. La morte fa così paura che per un tipico meccanismo perverso, a qualcuno piace accarezzarla, sedurla, immaginarla e anticiparla in percorsi autodistruttivi. Abuso di alcool, di droghe, sette demoniache, comportamenti violenti e al limite. Abitudini pericolose, nella speranza che anticipare la fine sia un modo per esorcizzarla.
ha piena consapevolezza di tutto cio’, non sappiamo se per esperienza personale (diretta o indiretta) o per sensibilita’. Coadiuvato dal tratto nervoso e scomposto di William , non sempre efficace o all’altezza della carica espressiva della storia, lo sceneggiatore irlandese ci sbatte in faccia le angosce di John Constantine e le sue malsane abitudini in quello che ha rappresentato il suo esordio USA nel 1991 e il suo primo ciclo della fortunata e lunga permanenza su Hellblazer della .
La narrazione procede incalzante e alcolica attraverso i monologhi interiori del protagonista. L’Inghilterra che ne è il contesto è un luogo malsano e umido, dove tutto può accadere. John Constantine, allo stato terminale del cancro ai polmoni, corre verso la morte in una ricerca spasmodica di un trucco, un inganno magico per salvare corpo e anima; ma è al contempo una ricerca di un senso per tanta sofferenza e, in ultimo, del significato della vita stessa. Potenti e vivi i personaggi di contorno, che restano indelebili al termine della lettura grazie alla loro umanita’.
Non tutto è perfetto in questa storia. Ennis è a tratti eccessivamente verboso e naif; il disegno di Simpson, come accennato, è a volte fragile e poco evocativo. Eppure, si respira una freschezza e un’intensità emotiva che è sempre più raro trovare nei fumetti (sempre più cervello, sempre meno cuore); una chiarezza narrativa che svela in un attimo l’abilità vera, non illusoria del grandissimo talento di Garth Ennis. (Guglielmo Nigro)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio