Home > BreVisioni > Dark Side #8 – Aliens: Apocalisse/Alchimia

Dark Side #8 – Aliens: Apocalisse/Alchimia

Dark Side #8 - Aliens: Apocalisse/Alchimia - immagine2-3342di AA VV
RCS quotidiani/Panini Comics, 2006 – 176 pagg. col. bros.
6,99 euro + il prezzo del quotidiano
Altro volume della collana Dark Side dedicata alla versione a fumetti del celebre personaggio creato nel 1979 con il film Alien di Ridley Scott. I lettori di fumetti hanno sempre storto un po’ il naso davanti a questo tipo di albi, spesso mere copie dei film realizzati da artisti di medio o basso calibro. Invece questo volume di Aliens, pur essendo una lettura senza troppe pretese, diverte e convince, oltre ad essere godibile anche da chi non conosce i film, di cui queste storie riprendono più le atmosfere che i personaggi. Il merito principale è da ascrivere alla Dark Horse, che ha acquisito a metà degli anni ’80 i diritti sul personaggio e non si è limitata a meri adattamenti delle pellicole, ma ha creato storie nuove aggiungendo nuovi personaggi rispetto alle sceneggiature cinematografiche, esplorando le possibilità narrative di un mostro cinematografico che è ormai assurto a icona dell’immaginario popolare. In particolare, degna di nota la seconda storia del volume, “Alchimia”. La sceneggiatura di risulta più convincente di quella di Mark Schultz, visto all’opera nella prima storia del volume “Apocalisse: Angeli della Distruzione”, ma soprattutto si vede all’opera il leggendario , vero mito del disegno americano degli ultimi trenta anni. Sebbene qui non sia ai suoi massimi livelli, tutti i suoi fan rimarranno comunque soddisfatti. In definitiva un volume consigliato: pur non contenendo storie da annoverare tra i capolavori del fumetto, rappresenta una divertente lettura, con testi di buona qualità e ottimi disegni. (Giuseppe Fiscariello)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.