Mostre e incontri

Stelio Fenzo espone a Rimini in occasione dei 30 anni del Cartoon Club

Comunicato Stampa

Rimini: inaugura il 6 luglio la mostra “I due volti dell’avventura” di Stelio Fenzo organizzata da Cartoon Club ed Edizioni VoilierStelio Fenzo espone a Rimini in occasione dei 30 anni del Cartoon Club - 1
Il grande Stelio Fenzo espone a Rimini in occasione dei 30 anni del Cartoon Club. Più di 160 tavole originali a ripercorrere 70 anni di carriera di uno dei grandi maestri della scuola veneziana. L’inaugurazione il 6 luglio alle 18 presso la Fabbrica Arte di Piazza Cavour.
 
Inaugura domenica 6 luglio a Rimini, l’attesissima mostra “Stelio Fenzo, i due volti dell’avventura”.
Il grande maestro veneziano, autore di fumetti che hanno fatto storia, ex collega di Hugo Pratt, sarà presente all’inagurazione che si terrà alle ore 18 presso il FAR (Fabbrica Arte Rimini) nella centralissima Piazza Cavour.
La prestigiosa mostra è una delle numerose iniziative in programma a Rimini nel mese di luglio, in occasione della trentesima edizione di Cartoon Club, il festival internazionale dedicato al fumetto e al cinema di animazione. Dal 17 al 20 luglio, in Piazza Fellini, si svolgerà anche la consueta fiera mercato “Riminicomix” che ogni anno richiama decine di migliaia di visitatori.
La mostra di Stelio Fenzo è curata da Egisto Quinti Seriacopi, direttore artistico del Cartoon Club e da Marco Laggetta, titolare della casa editrice salentina Edizioni Voilier, la quale ha recentemente rilanciato l’arte di Stelio Fenzo attraverso pregevoli pubblicazioni inedite quali “Cyrano De Bergerac” e “Raquel”, in presentazione proprio a Rimini.
La mostra sarà aperta al pubblico fino al 27 luglio. Ecco i dettagli.
Stelio Fenzo. I due volti dell’avventura, da Jungla a Simba. Personaggi, storie e  stili del poliedrico maestro veneziano
A cura di Egisto Quinti Seriacopi e Marco Laggetta in collaborazione con Edizioni Voilier, con la consulenza di Stelio Fenzo
Allestita presso FAR fabbrica Arte Rimini | primo piano | piazza Cavour | Rimini centro storico | 11-27 luglio 2014
La poliedricità di Stelio Fenzo (Venezia, 3 settembre 1932) è leggenda nel panorama del fumetto italiano. Dopo i primi timidi passi nel mondo del fumetto, da ragazzo, frequenta il gruppo di artisti veneziani chiamato “Asso di Picche”, composto da Hugo Pratt, Mario Faustinelli e Alberto Ongaro. Proprio Hugo Pratt, nel 1953, lo introdurrà alle case editrici londinesi Fleetway e Thompson, per le quali illustrerà una lunga serie di storie di carattere poliziesco e rosa. All’inizio degli anni Sessanta la sua attività torna in Italia, realizzando per l’editoriale Sepim Capitan Moko. Nel 1964 continua il personaggio Kiwi, anch’esso iniziato da Hugo Pratt, che illustrerà per parecchi anni, sia per le case editrici italiane sia francesi (lo stesso dicasi per “Capitan Moko”). Continua a lavorare intensamente producendo tantissimi personaggi o terminando le opere, che per vari motivi editoriali, Hugo Pratt non riusciva a concludere.
Ma Fenzo è universalmente riconosciuto soprattutto per la produzione realizzata per le edizioni GEIS e per la Edifumetto di Enzo Barbieri. Un fenomeno editoriale esploso alla fine degli anni Sessanta, definito in quegli anni “fumetto erotico”, che venderà milioni di copie. Jungla la tarzanide, paladina della giustizia nella giungla, è la sua icona più famosa. Destinata in quegli anni ad un pubblico adulto, torna oggi in una mostra di originali insieme all’altro tarzanide che gli fa da giusto rovescio della medaglia, perché destinato ad un pubblico di giovanissimi: Simba.

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio