Recensioni

Cinema Zenit di Andrea Bruno, un capolavoro in divenire

cinemazenit_cover

Cinema Zenit di Andrea Bruno, un capolavoro in divenire - cinemazenit_coverQuesta prima parte di Cinema Zenit, storia prevista in tre volumi, rappresenta un perfetto sunto di come siano i fumetti di e la naturale evoluzione del suo stile; stile nel quale si respirano atmosfere rarefatte ed eteree, che nascono dai segni bianchi raschiati fuori dallo sfondo nero: una modalità di disegno che Bruno sta affinando sempre più. La mano è più ferma, il controllo della sintesi dei disegni, elemento fondamentale per uno stile che fa del non-visto l’elemento più forte e identificativo, ancora più preciso; ogni elemento che emerge dal fondo cupo è necessario ed essenziale.

Con Cinema Zenit, l’autore torna a parlare di guerra, o meglio dei segni e delle trasformazioni che la guerra imprime sulle città e sugli uomini, avvicinandosi alle tematiche di Brodo di niente, suo primo volume a fumetti. La narrazione degli eventi, il viaggio della protagonista Anna in una città divisa e martoriata fisicamente da un terremoto e moralmente da un’occupazione straniera, è incorniciata da fredde didascalie: ricordi della protagonista, parti di una lettera indirizzatale, o estratti di una futuribile guida turistica della città stessa. Questa costruzione è funzionale per infondere una sensazione di declino e una patina di nostalgia amara per un mondo che non c’è più.

Cinema Zenit di Andrea Bruno, un capolavoro in divenire - cinemazenit_4

L’impressione lasciata dal racconto, come già in altri precedenti lavori dell’autore, è che la guerra di cui parla Cinema Zenit di Andrea Bruno, un capolavoro in divenire - cinemazenit_6 sia già avvenuta e che i personaggi che popolano queste pagine ne siamo usciti sconfitti. Una guerra che nel fumetto è presente nelle sue conseguenze, sia quelle più evidenti, come gli occupanti stranieri e la resistenza, sia in quelle striscianti e non direttamente causate da questa, come la nostalgia per le vecchie tradizioni sostituite da nuove, assurde e pericolose esibizioni di coraggio, simbolo di un attaccamento nazionalista ormai vuoto di significato.

Andrea Bruno fonde disegno e poesia, grazie a uno stile unico, capace di interpretare una tecnica che annovera pochi altri rappresentanti (per restare all’oggi, Thomas Ott) declinata in un uso personale e mirabile, esplorando così in maniera profonda il legame tra segno e parola/narrato che è perno e caratteristica distintiva del fumetto. I bianchi e neri pasticciati delle sue tavole comunicano perfettamente le vibrazioni e l’atmosfera dei suoi fumetti, i dialoghi sono attenti, studiati, scevri da parole ridondanti. L’impressione è di avere di fronte il lavoro di un attento cesellatore che sa quanto ogni singola vignetta sia frutto di un equilibrio e di una scelta costante su cosa mostrare e dire e cosa no, e quanto ogni elemento che la compone sia tanto prezioso da esigere la massima attenzione nel disporlo e l’assoluta lucidità per scegliere quali e quanti usarne. Il grande formato, ormai marchio distintivo di diverse pubblicazioni , permette di addentrarsi ancora di più nell’arte di Bruno.Cinema Zenit di Andrea Bruno, un capolavoro in divenire - cinemazenit_2

La storia si chiude con l’arrivo di Anna di fronte al Cinema Zenit del titolo, in un climax che lascia in attesa di conoscere cosa attendersi dentro all’edificio abbandonato. Altro esempio di abilità registica, capace di creare un crescendo di attenzione e di attesa nel lettore in un racconto senza azione, giocato tutto sul non detto, sul rapporto tra i personaggi, su minacce potenziali ma solamente accennate.

Purtroppo, rispetto all’immediatezza di superficie (che “nasconde” comunque una grande complessità di tematiche e di tecnica) di Gipi o Emanuele Fior, i fumetti di Bruno risultano all’apparenza maggiormente ostici, come stile di disegno e come tematiche, riducendone forse la capacità di attirare nuovi lettori; così come la visibilità di a livello editoriale, parlando di distribuzione e capacità di penetrazione sui mass media generalisti, è probabilmente inferiore a quello di Coconino.

Ma al di là di ciò, dopo la controprova di questa nuova opera, è impossibile non annoverare Andrea Bruno tra i migliori autori italiani contemporanei.

Abbiamo parlato di:
Cinema Zenit vol. 1
Andrea Bruno
Canicola, 2014 – www.canicola.net
32 pagine, spillato, bianco e nero – 16,00€
ISBN: 9788890694158

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio