BreVisioni

Unico indizio le scarpe da tennis (Barzi, Villa, Gerasi)

Unico indizio le scarpe da tennis (Barzi, Villa, Gerasi) - 01È, Unico indizio le scarpe da tennis, un omaggio a uno dei migliori artisti (musicisti, cantautori) italiani: Enzo Jannacci, scomparso lo scorso anno.
È, ancora, un omaggio di , a Milano, a quella del periodo di fine anni ’50 del secolo scorso. La Milano del boom economico, la stessa nella quale era cresciuto Jannacci e che lo vedeva allora muovere i primi passi della sua carriera musicale.
È un omaggio al capoluogo meneghino di quel tempo che fu, tanto nell’oggetto quanto nel mezzo narrativo, con Barzi che, con maestria, intramezza pagine di fumetto a tavole ricalcate da quelle dei fotoromanzi e delle riviste come Grand Hotel che pienamente catturano nel libro l’atmosfera dell’epoca.
È, sopratutto, un racconto noir con un oggetto della narrazione di genere atipico. L’ostinata indagine di un poliziotto terun, il Maresciallo Vincenzo Mantuano, per dare un volto all’assassino e un nome alla vittima, un barbun, il protagonista della canzone “El portava i scarp del tennis” che rese famoso Jannacci nel 1964. Il primo dei diversi, degli ultimi che il Dutur avrebbe cantato in tanti suoi brani.
È, infine,nelle tavole del quasi esordiente Marco Wil Villa e nei disegni a mezzatinta dei flashback del bravo , , un omaggio ai volti degli attori e all’inquadrature del cinema neorealista italiano.
Disegni, quelli di Villa, non scevri da insicurezze in un tratto ancora da affinare, ma in definitiva efficaci nel narrare la vicenda.
È un bel libro a fumetti da leggere. Che fa riflettere.

Abbiamo parlato di:
Unico indizio le scarpe da tennis
, Marco Wil Villa,
Renoir comics, marzo 2014
160 pagine, brossurato, b/n e mezzatinta, € 14,90
ISBN: 978-8865670927

Unico indizio le scarpe da tennis (Barzi, Villa, Gerasi) - 02

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio