Recensioni

“I Raminghi dell’Autunno”: la stagione delle scelte

Ricordati che gli uomini non sopportano l’ordine, ma sono terrorizzati dal caos…noi siamo l’autunno la stagione del cambiamento. […] Ritieniti fortunata. Perché per alcuni…c’è soltanto un lunghissimo inverno.

"I Raminghi dell'Autunno": la stagione delle scelte - CCI28012014_0021-copia-670x311

Ho voluto iniziare la mia riflessione con questo bel passaggio, che conclude l’albo #333 (la metà di 666!) di , perché riassume molto bene il messaggio dell’albo e quello che probabilmente significa per questa testata. “I Raminghi dell’Autunno”, scritto e disegnato da , è forse destinato a diventare l’episodio più importante uscito negli ultimi 2-3 anni per l’Indagatore dell’Incubo. Sì perché è un numero di svolta dopo la recente mediocrità, ma anche di una rinnovata affermazione del personaggio, delle sue qualità, un riappropriarsi delle sue radici.

Esiste una figura più paradossale e contraddittoria di quella del clown? È divertente una persona che prende botte per far sorridere il pubblico, dal perenne ghigno impresso su di uno spesso strato di cerone bianco che sembra nascondere le emozioni del viso che vi si cela sotto? Per molti magari può essere così; (chi vi scrive ne è terrorizzato) ma, con il passare del tempo, questo “essere” ha acquisito sempre più una fama sinistra e inquietante. Una fama guadagnata anche grazie ad alcune opere letterarie conosciute a livello mondiale come “It” di Stephen King, il meno conosciuto “La Città dei Clown” di Will Elliot e il bellissimo “Il Popolo dell’Autunno” del grande Ray Bradbury, romanzo dal quale l’autore sembra essere stato maggiormente influenzato.

"I Raminghi dell'Autunno": la stagione delle scelte - 12Celoni, infatti, mette un Dylan cinico, depresso e livido di risentimento contro l’Horror Circus, uno spettacolo itinerante che arriva per soli tre giorni d’autunno, al quale due anni prima Groucho si è unito abbandonando l’amico di una vita. E’ un Dylan cocciuto, che non accetta, o forse non vuole capire, questo gesto improvviso, cercando così nella vendetta sul circo e nei suoi freaks quello che non gli è stato concesso con le parole. Lo scrittore usa il circo come metafora sulla vita e sul cambiamento, realizzando una storia spaventosa, triste e meditabonda, dotata di grande presa emozionale e che esamina il"I Raminghi dell'Autunno": la stagione delle scelte - Dylan_Dog_333_01_1397640013163 rapporto profondo che intercorre tra Dylan e il suo vero “compagno” di vita. E’ un racconto labirintico, che svia più e più volte le convinzioni del lettore fino al poetico e malinconico finale, condotto con ispirata maestria. Celoni, qui forse alla sua migliore prova come autore completo, non snatura mai il personaggio di Dylan, anzi, usa con una cognizione davvero mirabile le sue caratteristiche principali. Peccato la ricerca di un finale per certi versi “razionale” che, probabilmente, sarebbe stato meglio lasciare più allusivo e di libera interpretazione, visto lo stile onirico dato alla vicenda.


È
poi straordinario (e l’aggettivo non è esagerato) il lavoro grafico svolto dall’autore, di cui auspico una ristampa in un formato più grande che permetta di assaporarne le stupende illustrazioni, davvero troppo penalizzate dal classico formato bonelliano. Il tratto elegante e incredibilmente dettagliato di , rafforzato da un uso impressionante dei neri, crea tavole potenti e visionarie da cui si rimane letteralmente rapiti. Uno stile che riesce a cogliere e sintetizzare influenze grafiche che spaziano da Massimo Carnevale al maestro Bernie Wrightson, mentre le parti più oniriche sembrano rievocare l’Alberto Breccia di “Rapporto sui Ciechi”.

"I Raminghi dell'Autunno": la stagione delle scelte - CCI28012014_0000-copia-670x368

Il messaggio principale che arriva da “I Raminghi dell’Autunno”, quello del cambiamento, benché di applicazione universale, si riflette molto bene sul personaggio di e sul suo imminente rilancio. Tra qualche mese, per scelta editoriale, avremo un personaggio che perde alcune delle sue caratteristiche peculiari per passare a una versione più moderna e forse in linea con i gusti odierni. È un male? Non credo. Giusto accettare il cambiamento e se vedremo Dyd usare uno smartphone o un computer bisognerà farsene una ragione. Ma il rinnovamento deve passare e arrivare anche dal cuore del personaggio e quello che racconta: le sue storie. Anzi è principalmente da esse che si deve forzatamente ripartire. Storie come questa, pensate e ragionate per stupire, emozionare e far riflettere e che ci riconsegnano uno dei protagonisti fondamentali del fumetto Italiano.

Abbiamo parlato di:
Dylan Dog #333 – I Raminghi dell’Autunno
Fabio Celoni
, 2014
98 pagine, brossurato, bianco e nero – € 3,20
ISBN: 9771121580009

 

2 Commenti

2 Comments

  1. Emanuele

    21 giugno 2014 a 00:16

    condivido assolutamente e aggiungo solo che se in questi anni avessimo visto più storie di questo calibro, anziché i soliti “compitini” svolti dagli autori, forse non si sarebbe mai nemmeno dovuto ricorrere ad un “rilancio” della testata…

    • Dante Rigoni

      22 giugno 2014 a 15:05

      Numero molto bello e interessante, che collegherei al lavoro di Ambrosini pubblicato a settembre 2013. Sinceramente è dal numero disegnato un mese prima dal grande Alessandrini che ho notato un sensibile aumento nel livello qualitativo della serie, frutto probabilmente di una selezione più severa e di maggiore revisione. Visti gli sceneggiatori coinvolti direi che ci sono tutte le premesse per un buon rilancio della serie. Spero che il buon Chiaverotti, troppo spesso sottovalutato sceneggiatore di alcuni dei più bei numeri di DYD, possa trovare spazio nei prossimi mesi, in attesa sempre di un’ennesima e necessaria resurrezione sclaviana!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio