BreVisioni

Diabolik: Le ferite del passato – I Classici di Repubblica Serie Oro #4 – 6,90euro

Il quarto “classico di Repubblica” è dedicato al Re del Terrore per antonomasia del fumetto italiano. e le sue storie, qui nascoste dietro una copertina d’effetto su sfondo scuro e lettere d’oro a rilievo, è il personaggio che, come e più di tanti altri, rappresenta praticamente da solo un genere fumettistico in Italia. Nelle patinate pagine del volume formato “comic book USA” il personaggio ci invita a conoscere le sue origini. Intendiamoci, come tutti i fumetti seriali che si rispettino anche qui non resteremo con tante certezze in mano, perché si sa che spesso il modo più furbo di attirare il lettore è dire e non dire, spiegare e ritrattare. Pertanto, attraverso le chine di quel Facciolo protagonista grafico sia nel 1968 (la prima storia) che nel 1998 e 2002 (seconda e terza storia), rileggiamo quanto si è scritto negli anni circa il passato di , da sempre ammantato di mistero, per lasciare al personaggio stesso questo forte senso di origine indefinita e sconosciuta. Le storie sono, come quasi sempre nel caso di , abbastanza scorrevoli e rapide da leggere (complice l’impaginazione di un formato in originale molto più piccolo) e ci narrano, oltre alle (presunte) origini, anche le sue “solite” azioni criminali che ne fanno il ladro/assassino più ricercato di Clerville. Pollice alto per la scelta delle storie (oseremmo dire filologica) e per gli autori, sempre in linea con “il peso” dell’eredità di oltre quarant’anni di fumetti. Suggerito ai neofiti del personaggio o anche ai semplici, affettuosi, lettori di sempre che ritroveranno nella storia Diabolik chi sei? (del 1968) davvero una pietra miliare della serie (Davide Occhicone).

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio