Cronache

“Viola Giramondo” di Teresa Radice e Stefano Turconi a Milano

Thumb

"Viola Giramondo" di Teresa Radice e Stefano Turconi a Milano - slide
Domenica 27 aprile si è svolta, presso la libreria Open – More Than Books www.openmilano.com in viale Monte Nero 6 a Milano, la presentazione di Viola Giramondo, graphic novel scritta da Teresa Radice e disegnata da Stefano Turconi, edita da Tunuè.
In un’atmosfera decisamente informale (c’era chi non ha perso occasione per tuffarsi direttamente sul divano presente in libreria e ascoltare a gambe incrociate l’evento), i due autori hanno raccontato della loro opera a una platea certamente non numerosa, ma composta da amici, appassionati e bambini, tutti tesi ad ascoltare con attenzione le parole della Radice. La sceneggiatrice è riuscita letteralmente a far parlare il cuore mentre descriveva i personaggi e i temi esposti in Viola Giramondo, mettendoci tutto l’entusiasmo e l’onestà espositiva già dimostrata in passato, oltre che ingredienti fondamentali con cui è stato realizzato il libro.
Mentre la Radice parlava, con lo stesso trasporto, Turconi disegnava su una lavagna i personaggi che man mano venivano citati, partendo dalla matita, ripassandoli a pennarello nero e infine colorandoli, il tutto con il suo consueto stile dinamico: sembrava quasi di veder saltare fuori i personaggi. Ecco un estratto di quanto raccontato dai due autori.

"Viola Giramondo" di Teresa Radice e Stefano Turconi a Milano - pezzo1Teresa: Ci siamo immaginati Viola (NdA: la loro figlia maggiore) nell’età delle medie, in cui lei si sentirà di sicuro diversa dagli altri e ci siamo detti: «Facciamo vedere che in fondo non è così brutto essere diversi e trovare il proprio modo di essere se stessi indipendentemente da quello che fanno gli altri».
Lo abbiamo ambientato nell’Ottocento, nel passato come con i nostri precedenti lavori, perché nel passato c’è ancora il bisogno per le cose materiche: il tema scritto a mano, il foglio piegato, il libro vecchio… Dove non c’è tecnologia e quindi il messaggio che parte in un certo momento non sai quando arriverà. L’idea era che Viola in un certo modo fosse quel tipo di ragazzina esuberante e solare che potesse dare qualcosa di positivo agli altri pur non accorgendosi di quello che ha seminato, anche perché il circo è qualcosa che viaggia; lei ispira i personaggi, ma non vedrà e non saprà mai che cosa ha effettivamente portato nelle loro vite. È quello che succede a ognuno di noi, a una persona vista e frequentata vent’anni fa hai lasciato qualcosa, lui ha lasciato qualcosa a te e poi anche se non ci si vede più quel qualcosa è rimasto. È una vita che cammina.
L’idea era di raccontare una storia che parlasse di cose belle senza bisogno di ricordarci che siamo in crisi, senza pensare che tutto va male ed è per questo che abbiamo scelto di renderla con questo stile visivo. Colori, colori forti, uso della matita.

Stefano: Le tavole originali sono tutte a pastello. Nelle tavole finite c’è anche Photoshop, però tutto il ripasso, tutto il tratto è a pastello. Il tratto e il colore sono stati fatti con la mia scatola di matite colorate. Tutto quello che sembra pastello è effettivamente pastello: non ho virato il tratto a Photoshop, ma ho fatto tutto con le matite colorate, ho scansionato le tavole così com’erano e poi ho aggiunto gli sfondi con Photoshop. Un sistema semplice e molto veloce.

"Viola Giramondo" di Teresa Radice e Stefano Turconi a Milano - pezzo2Dopo aver risposto a qualche domanda da parte del pubblico, i due autori sono passati a disegni e firme sui volumi di chi ha colto l’occasione per acquistare l’opera, sempre con quella gioia contagiosa che li contraddistingue.

Questa presentazione rientra nel tour che Teresa Radice e stanno compiendo a partire da Lucca Comics 2013, quando Viola Giramondo ha iniziato la sua vita editoriale. Sono seguiti una mostra alla biblioteca di Barlassina (MB) lo scorso febbraio e la presenza alla recente Mantova Comics & Games, per arrivare ad aprile con un incontro in una scuola elementare di Milano e con la presentazione del libro in una libreria di Rimini (dove si è tenuta un’altra mostra dedicata), fino all’evento alla libreria Open di cui si è appena parlato in questo articolo.
Successivamente Viola Giramondo, che è già alla sua prima ristampa e che verrà pubblicato anche in Francia da Editions Dargaud, è stato presentato dagli autori anche nell’ambito del Salone Internazionale del Libro di Torino www.salonelibro.it  (Torino Lingotto Fiere, 8-12 maggio 2014). Verso fine giugno Teresa Radice e terranno una presentazione della loro graphic novel anche presso  la fumetteria Supergulp (Ripa di Porta Ticinese 51, Milano).

Il blog di Teresa Radice e Stefano Turconi: stefanoturconi.blogspot.it

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio