Recensioni

Il tenente franco-canadese venuto dalla neve: Trent#1

TRENT002

Il tenente franco-canadese venuto dalla neve: Trent#1 - rw-linea-chiara-trent-1-718100000101A partire da maggio 2014 anche Lineachiara, l’etichetta editoriale della RW dedicata al fumetto d’Oltralpe – ma anche ai recuperi storici del nostro panorama fumettistico – sbarca in edicola con il suo primo titolo bonellide: Trent di Rodolphe (ai testi) e Leo (sua la parte grafica). Trent è stato pubblicato in otto volumi a partire dal 1991 dalla casa editrice francese e ha come protagonista un tenente della polizia a cavallo canadese che vive le proprie avventure alla fine del XIX secolo, a caccia di assassini, rapinatori e tutta l’umanità violenta di un territorio aspro e desolato, ma comunque di una bellezza mozzafiato.

E anche l’atmosfera della serie, e il suo stesso protagonista, risentono in un certo qual modo di questo mondo ovattato, sempre in lotta con una natura difficile e Il tenente franco-canadese venuto dalla neve: Trent#1 - Trent31con un clima carico di freddo e neve: Trent non è il classico eroe infallibile, ma è anzi un umanissimo tutore della legge, dal misterioso passato e dalla sensibilità molto spiccata. Ne è testimonianza l’attenzione che ripone verso i criminali e verso le vittime, verso chi ha torto e verso chi ha ragione, se possono ancora esistere giudizi del genere in una scala di valori così complicata come la sua. Da qui la decisione dello sceneggiatore Rodolphe di dare una voce narrante al suo personaggio tramite didascalie spesso cariche di poesia, che sottolineano i sentimenti e le vibrazioni umane del personaggio, espediente così raro nelle avventure che raccontano di eroi tutto d’un pezzo.

A confermare una volontà già presente nella prima storia del volume, che è poi la prima avventura della vita editoriale del personaggio, con il difficile innamoramento tra il tenente e la bella Agnes, anche l’inserimento del complicato personaggio di Emile nella seconda avventura: un assassino seriale e implacabile, Il tenente franco-canadese venuto dalla neve: Trent#1 - trent1ma anche un animo giovane e delicato, che si esprime tramite le poesie di Rimbaud scritte sulle pareti dei granai. Amore per il poeta francese che si trasmette allo stesso Trent rispondendo in pieno ad una precisa volontà stilistica: renderlo un personaggio umano, uno “sbirro” dall’umanità molto accentuata, che si pone domande scomode pur senza riuscire quasi mai a darsi una risposta coerente.

I disegni di Leo, pur risentendo – come tutti i fumetti provenienti dal mercato francese – della riduzione a bonellide, appaiono comunque adattarsi piuttosto bene al bianco e nero e al formato storico del Belpaese; grazie soprattutto ad un tratto molto “ligne claire” e ad un realismo molto forte nelle figure e nei panorami.

Infine, un plauso a Rw per il sacrificio fatto in termini economici: il costo di Trent è di 2,90 €, prezzo dal quale da pochissimo anche la Bonelli si è distaccata. Un chiaro segnale di buona volontà per i lettori. Tra l’altro la linea editoriale diretta da Andrea Rivi, con il coordinamento di Andrea Mazzotta ha già annunciato il sostituto di Trent dopo i quattro numeri a lui dedicati. Si tratta di Buddy Longway, come riferito durante la conferenza Rw – Lineachiara al Napoli Comicon. Un’altra buona notizia.

Abbiamo parlato di:
Trent#1
Rodolphe e Leo
Traduzione di Andrea Rivi
Rw Lineachiara, Maggio 2014
96 pagine, brossurato, b/n – 2,90 €
ISBN: 9772284369005

1 Commento

1 Commento

  1. Giuseppe Saffioti

    Giuseppe Saffioti

    6 luglio 2014 a 16:14

    avrei di lunga preferito una riproposizione del prodotto originale, con colori e formato, sarebbe costato di più, ma ne sarebbe valsa la pena T_T

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio