Home > BreVisioni > The religious experience of Philip K. Dick – Alias 32 (314), suppl. de “il manifesto” del 7 agosto 2004 – 2,00euro

The religious experience of Philip K. Dick – Alias 32 (314), suppl. de “il manifesto” del 7 agosto 2004 – 2,00euro

In questo periodo (visto il proliferare di film tratti dai sui libri e la riscoperta editoriale grazie all’impegno di Fanucci), è abbastanza normale affermare che le storie di Dick sono belle. E si sa che, in generale, le storie che si basano sulla vita di grandi scrittori sono quantomeno interessanti. In questa breve storia, Crumb ci offre uno spaccato della vita di questo narratore americano, mostrandocelo, di fatto, come un plausibile ed emerito comprimario dei suoi deliranti racconti. Anzi, la storia su Dick scritta e disegnata da , sembrerebbe UNA storia su Dick scritta da Dick stesso. Come al solito, lo stile di è graffiante e incisivo. Mai violento, il suo segno ti scava un solco nell’anima che difficilmente si può rimarginare, riempiendoti di quell’atmosfera irreale che Crumb usa per descrivere la sua realta’. L’autore di Fritz il gatto e Mr. Natural è sempre stato riconosciuto solo come un figlio dei fiori che vive di realtà illusorie psicoindotte da droghe di ogni genere, mentre in realtà lo si deve considerare, soprattutto, un fine umorista; un narratore profondo della grettezza della vita e caricaturista di quei pezzi di società da lui frequentati. Tutta questa visione del personaggio traspare in questa short che pure di umoristico non conserva nulla, limitandosi puramente alla descrizione della vicenda. Un solo appunto: mi sento di precisare che fa un certo effetto veder presentata come “inedita” una storia di venti anni fa. Questo sottolinea il fatto che in Italia di Crumb ultimamente è stato pubblicato poco, purtroppo, e comunque mai col rigore filologico che questo autore meriterebbe (Fabio Postini).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.