Recensioni

Sasso Carta Forbice di Robledo e Toledano: l’anello di congiunzione tra matematica, amicizia e menzogna

Sasso Carta Forbice di Robledo e Toledano: l’anello di congiunzione tra matematica, amicizia e menzogna - 015Ho sempre inteso il gioco della “morra cinese” come un atto di annullamento.
Un gioco utile a sopprimere piccole indecisioni e conflitti, condotto per lo più tra amici in un clima onesto di intenti.
Ciascuna delle parti punta a una risoluzione. Ciascuna delle parti punta a mentire.
Un concetto che rasenta la teoria del caos per le contraddizioni che cela abilmente sotto il suo candito manto d’intenti. Perché come si fa a risolvere una questione mentendo? Come si può mascherare qualcosa a un amico?

Queste domande potrebbero essere la perfetta sintesi del pitch che sostiene l’idea di Sasso Carta Forbice (titolo originale: Ken Games), volume della casa editrice francese Dargaud, edito in Italia da . Una storia per nulla banale, votata all’analisi dei rapporti interpersonali e dell’alchimia “matematica” che li sostiene.
Artefici di questa splendida analisi sono le due forze ispaniche José Robledo (testi) e Marcial Toledano (disegni), due soggetti artistici che sicuramente la sanno lunga sull’amicizia e sulle sfumature che solo questa dote sa celare.

Sasso Carta Forbice di Robledo e Toledano: l’anello di congiunzione tra matematica, amicizia e menzogna - 024La storia prende in analisi tre soggetti che rappresentano per nome, struttura e attitudine i tre elementi che costituiscono la morra cinese. Pierre (dal francese “Pietra”) Fermat è un pugile esordiente, una mente matematica “figlia d’arte” e soprattutto l’amico del cuore di TJ, alias Thierry – Jean Feuille (dal francese “Foglio”), giocatore d’azzardo di poker dotato di grandi abilità di calcolo statistico e di lettura morfologica. Tra i due si immette un terzo elemento, la bella fidanzata di TJ, Anne Parilou, un’aspirante scrittrice che punta a campare come maestra delle elementari… O forse no? Già, perché, in verità, Anne è un pericoloso sicario, meglio noto con il nome in codice di “La Forbice”, al servizio della Mafia parigina. Ed è questo dettaglio oscuro il primo indizio discrepante di un’amicizia all’apparenza armoniosamente perfetta. Di fatto, TJ non sa nulla della condotta di vita reale di Anne, come non sa nulla della passione sportiva di Pierre e viceversa. Un circolo vizioso di menzogne protratte a fin di bene, a tutela di un gioco pericoloso che finirà per vincolare i tre in una struttura ellittica mortale e, al contempo, redentiva.

Sasso Carta Forbice di Robledo e Toledano: l’anello di congiunzione tra matematica, amicizia e menzogna - 034Se da una prima occhiata Sasso Carta Forbice può risultare come un prodotto preconfezionato appositamente per il mercato francese, stupisce come i due autori, in realtà, si siano cimentati in un gioco dinamico (è proprio il caso di dirlo) di griglie che trova la sua piena esaltazione in strutture originali e, talvolta, geniali.
Basti pensare all’incipit dei tre capitoli (ognuno dedicato a uno dei tre protagonisti) che si ripete in sequenza per tutti e tre i personaggi: si parte da un dettaglio, cui segue uno zoom out che si conclude con un totale e tre vignette che aprono le danze; il tutto coronato da una scelta cromatica volutamente indirizzata a distinguere i personaggi. Nelle scene in cui compare Pierre predomina il verde, in quelle in cui compare TJ predomina il rosso e in conclusione il blu per quanto riguarda Anne. Tre opzioni che aiutano il lettore a identificare subito le circostanze in cui gli autori hanno voluto dedicare maggior attenzione a uno dei tre protagonisti.
Ma non è tutto: una griglia a scacchiera regge qualsiasi momento in cui vi è un confronto di abilità agli scacchi, dati statistici di punteggio compaiono sui corpi degli avversari di Pierre durante un incontro di boxe e TJ vede realmente le carte degli avversari sovrapposte alle loro espressioni.

È il caso di parlare di uno storytelling brillante, adattato a una struttura non troppo imponente (147 tavole) ma perfettamente bilanciata.
Quindi un plauso a Robledo, ma anche a Toledano per l’altissima qualità dei colori, dei disegni e degli sfondi.
Sasso Carta Forbice è una lettura piacevole e ispirante. Una sfida riuscita a pieni voti, volta a modernizzare ed elevare una struttura ardita, seppur da manuale, come quella francese.

Abbiamo parlato di:
Sasso Carta Forbice
José Robledo, Marcial Toledano
Traduzione di Andrea Petronio
, Luglio 2013
168 pag, brossurato, colore – 17,00 €
ISBN: 978-88-6543-183-2

Sasso Carta Forbice di Robledo e Toledano: l’anello di congiunzione tra matematica, amicizia e menzogna - 044

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio