Mostre e incontri

“La storia ha gli occhi semplici”: una mostra in memoria di Paolo Morales

moral5

Comunicato Stampa

A un anno dalla scomparsa di , si terrà la mostra di disegni “La storia ha gli occhi semplici”. La mostra, ad accesso “La storia ha gli occhi semplici”: una mostra in memoria di Paolo Morales - morallibero, sarà aperta al pubblico da giovedì 16 fino al 23 gennaio presso lo spazio di Via di Montegiordano 59 (dal martedì al sabato) e visitabile dalle 17.30 alle 19.30. In esposizione 50 tavole originali tratte da quattro fumetti della serie Martin Mystère, edita da Bonelli, disegnate da (I prigionieri del CiberspazioI bambini dagli occhi bianchiIl libro di sabbia e Xanadu) più un inedito dal titolo Cogito, ergo… sum? un vero e proprio fumetto composto da otto tavole che racconta la vita quotidiana dell’autore.

Inoltre con questa mostra verrà inaugurata la Borsa di studio che la ha proposto di istituire in memoria di Paolo Morales, uno dei suoi fondatori. La borsa sosterrà i costi per l’intero corso triennale di disegno e grafica del fumetto dello studente più meritevole.

Paolo Morales è stato anche storyboard artist e ha lavorato con registi del calibro di Martin Scorsese – per il quale ha disegnato lo storyboard del film “Gangs of New York” – e Francis Ford Coppola, per il quale ha creato lo storyboard integrale de “Il Padrino parte III”. Questa mostra è un omaggio doveroso ad uno dei più eclettici e talentuosi fumettisti della scena romana

“Ho cominciato a disegnare a quattro anni e mi sono sempre considerato uno nato per il disegno. I miei disegni infantili erano già dei piccoli racconti, e appena ho imparato a scrivere ho disegnato il mio primo fumetto (che ancora conservo) e poi via via tanti altri. Scrivevo qualunque cosa: racconti, poesie, ridicoli saggi sulla felicità, sul perché Dio non esiste o sul movimento degli anni ’70. Non sono un gran disegnatore, né un grande scrittore ma penso che mi venga facile raccontare.” Paolo Morales, 2007

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio