Recensioni

Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l’Orfano Pistolero

1512600_737557062938406_1176812679_n1111

Nel terzo episodio di i riflettori sono puntati su Ringo, l’Orfano Pistolero, il personaggio più presuntuoso e arrogante del team di super soldati Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l'Orfano Pistolero - 1512600_737557062938406_1176812679_n-229x300iberici. Scopriamo così che Ringo era un giovane e promettente Torero, che si esibiva nella famosa Arena Plaza de Toros di Siviglia. Un ragazzo già addestrato al combattimento fin da piccolo, capace di tenere testa agli istruttori del campo militare di Dorsoduro. Atteggiamento che lo porta allo scontro frontale con il colonnello Nakamura e che ammorbidisce solo per proteggere la piccola Sam (la Mocciosa), con cui ha stabilito un ambiguo rapporto di amore/protezione già dal primo numero della serie. “Primo Sangue” è un numero in cui fornisce numerosi input narrativi sia sui legami e il passato dei protagonisti, sia sul conflitto con la razza di alieni incolpati di avere devastato la Terra, confermando nello stesso tempo l’importanza e la centralità della nazione spagnola nella storia. Se nella linea temporale ambientata nel passato, oltre alla figura di Ringo, vengono approfondite le precoci doti di leader e diplomatiche di Jonas/Boyscout e il legame tra la professoressa Jsana Juric e il Colonello Takeshi Nakamura, nel presente seguiamo la battaglia aerea iniziata nello scorso numero. Battaglia che fa sorgere ancora maggiori dubbi sulla reale colpevolezza di questa razza aliena: come possono avere attaccato la Terra con una misteriosa e potente arma a lungo raggio, quando poi le loro flotte aeree si scagliano sulle forze terrestri in modo simile ai Kamikaze giapponesi?

Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l'Orfano Pistolero - Orfani3_01_13832289996621

Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l'Orfano Pistolero - tav36_def-222x300Proprio in uno di questi attacchi viene danneggiata la nave di Pistolero che si vede costretto ad atterrare nelle paludi meridionali del pianeta alieno sottostante (chiaro omaggio all’arrivo di Luke Skywalker nelle paludi di Dagobah) dove, accompagnato dal drone/assistente Host, comincia una folle corsa per scampare alla morte dalle radiazioni a bassa frequenza presenti nell‘habitat. Qui Ringo si scontra con uno Spettro che ha chiaramente le sembianze di un toro, un incontro che fa sorgere nuovi interrogativi. Nel secondo numero Jonas vedeva sorgere una costruzione Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l'Orfano Pistolero - Orfani3_02_1383228999700-227x300aliena molto simile alla Basilica della Sagrada Familia di Barcellona, sua città natale, nell’esatto momento in cui lui e Juno si baciavano. Nel primo numero gli si scontravano con un alieno dalle grosse dimensioni che, ripesandoci ora, era simile all’orso che aveva provocato la morte di Hector, il fratello di Juno.

Coincidenze? Difficile che lo siano. Lo scrittore sembra suggerire una sorta di legame, di empatia tra gli Orfani e gli alieni. Recchioni, con questo episodio, sembra avere finalmente preso controllo della sua creatura e si diverte a seminare innumerevoli nuovi indizi e cogliere alla sprovvista il lettore, minando le certezze fin qui concesse. I dialoghi non risultano ridondanti come a volte è capitato nel numero scorso, lasciando spazio allo sviluppo dei protagonisti e favorendo la lettura dell’albo, che si conferma coinvolgente e con un tempo medio di lettura più veloce degli altri mensili Bonelli. Con questo terzo numero comincia a farsi tangibile il fine lavoro di trama e sceneggiatura che Recchioni e Mammucari hanno studiato per questa serie. Un lavoro che probabilmente sarà apprezzato ancora meglio nelle future edizioni Absolute della Bao Publishing, che permetteranno di cogliere al meglio questo fitto mosaico narrativo.

Orfani #3 – Primo Sangue: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago e l'Orfano Pistolero - 1525618_738148156212630_842529902_n11

Ai disegni troviamo il bravo , autore di un’ottima prova, che mantiene a livelli di eccellenza e di continuità il comparto grafico della serie. Cavenago, così come Alessandro Bignamini, disegnatore del secondo numero, è un autore dallo stile per certi versi simile a quello di , bravo sia nell’impostazione e nella struttura della tavola che nello studio dei personaggi, cui il suo tratto pulito e dai neri minimi dona un’espressività notevole. Nota di plauso alla rappresentazione grafica delle paludi aliene e al coreografico scontro tra Pistolero e l’alieno/toro. Ai colori è il turno di membro del collettivo Truckers di cui fanno parte anche Sara Pichelli ed Elena Casagrande. I suoi colori accesi e saturi donano una grande profondità ai disegni di Cavenago. Bella come il solito la copertina di .

Abbiamo parlato di:
Orfani #3 – Primo Sangue
,
, Dicembre 2013
98 pagine, brossurato, colori – € 4,50
ISBN: 9772283302003

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio