Nuove Uscite

Una cartolina dagli anni ’50 dalla Bao Publishing: “Souvenir dell’imper​o dell’atomo​” di Smolderen e Clerisse

Comunicato Stampa

Souvenir dell’impero dell’atomo
Dopo l’ultimo romanzo di Jonathan Coe, un ritorno al retro-futurismo degli anni Cinquanta!

 Una cartolina dagli anni '50 dalla Bao Publishing: "Souvenir dell'imper​o dell'atomo​" di Smolderen e Clerisse - untitled4

A pochi mesi di distanza dall’uscita di Expo ’58 di Jonathan Coe, ritorniamo nell’immaginario retro-futurista degli anni Cinquanta con un romanzo grafico straordinario, capace di mescolare fantascienza e psicologia, la realtà con gli eroi di un’epopea galattica di un futuro lontano. Souvenir dell’impero dell’atomo è senza dubbio una delle opere più straordinarie dal punto di vista grafico di quest’anno. Il giovane disegnatore Alexandre Clérisse ha ricreato alla perfezione l’immaginario fluido e aerodinamico della fantascienza degli anni Cinquanta grazie a uno stile retro-vintage che non sfigura davanti alle mitiche copertine Urania.

Lo sceneggiatore si interroga sull’ipnosi, basandosi sugli studi di uno psicanalista americano fatti sul paziente Kirk Allen, uno dei casi psichiatrici più celebri dell’Età dell’atomo. Il paziente, impiegato nel settore governativo e particolarmente sensibile, si trova in terapia dopo aver trovato pagine e pagine di documenti incomprensibili nel suo ufficio e si convince di essere in contatto telepatico con una civiltà galattica di un lontano futuro.

Intriso di estetica retrò anni Cinquanta, Souvenir dell’impero dell’atomo racconta la storia di un mite impiegato che asserisce di ricevere, da anni, messaggi telepatici dal condottiero di una razza aliena sconosciuta ai terrestri. È un pazzo, o semplicemente non ha modo di provare quel che dice? Una seduta di ipnosi porterà a una risposta sconcertante e un uomo senza scrupoli cercherà di impossessarsi dei segreti della sua mente… e del mondo intero! Un magnifico affresco psicologico, fantascientifico e sociale, uno spaccato dell’Europa ai tempi della Guerra fredda.

Un piccolo miracolo del fumetto francese.

friend on Facebook 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio